Como, frode fiscale nelle gare di rally: sequestro beni per 5,2 milioni

EMBED
I finanzieri della compagnia di Erba, nel Comasco, a conclusione di due verifiche fiscali nei confronti di altrettante società operanti nel campo delle sponsorizzazioni sportive, hanno rilevato una frode fiscale di oltre 12 milioni di euro realizzata attraverso l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti da parte di 15 società, molte delle quali "cartiere" in quanto prive di struttura imprenditoriale e commerciale. A organizzare la frode scuderie di rally, sponsor e società di promozione pubblicitaria, organizzazione e realizzazione di manifestazioni sportive. Il gip di Como ha disposto il sequestro preventivo dei conti correnti e dei beni mobili e immobili degli indagati per 5,2 milioni di euro. (LaPresse) 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti