Andrea Vianello dopo l'ictus: «Voglio mantenere lo stupore della vita»

EMBED
Il giornalista Andrea Vianello ha presentato ieri a Milano «Ogni parola che sapevo» (Mondadori), libro in cui racconta la lunga ripresa dall’ictus che lo ha colpito un anno fa e che lo aveva lasciato, letteralmente, senza parole. «È stato importante vedere tanto affetto nei miei confronti e l’amicizia è stata la mia forza, - ha raccontato Vianello. - L’ictus è un problema di cui si parla poco, ma si può andare avanti anche dopo. Spero di dare un esempio, di scrivere ancora e di mantenere lo stupore per la vita che ritrovi quando pensi di non averla più». E nei giorni in cui anche in Parlamento si discute di fat-shaming anche Vianello ricorda: « Da ragazzino ero ciccione e noi ciccioni dovevamo far ridere, poi però tornavamo a casa e restavamo da soli. Poi sono cambiato, la vita mi ha dato tante cose belle fino a quando mi è successa questa cosa che mi ha tolto la parola. Così mi sono ricordato che non bisogna avere paura né di essere di ciccioni né di parlare male».

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi