Coronavirus, dopo Morricone a piazza Navona risuona Pino Daniele

EMBED
di Roberta Savona

È un omaggio al mai dimenticato Pino Daniele, quello che la chitarra del diciottenne Jacopo Mastrangelo intona per la sua Piazza Navona. Un appuntamento romano ormai noto fuori e dentro il raccordo e che si consuma da due settimane sempre al tramonto, momento in cui il ragazzo omaggia la sua città costretta alla quarantena, con celebri brani della musica scelti insieme al papà Fabio, anch'egli musicista.

Leggi anche:-> Coronavirus Roma, Jacopo che ha incantato Piazza Navona suonando la musica di Morricone: «Che emozione gli applausi»

Dopo aver virtualmente girato il mondo con l'esecuzione "Deborah's Theme", brano di Ennio Morricone tratto dal film "C'era una volta in America", di Sergio Leone, Jacopo riporta alla luce il brano orchestrale che Pino Daniele scrisse per il film dell'amico Massimo Troisi, "Pensavo fosse amore... invece era un calesse". 

Ancora una volta Jacopo dà il via alla sua chitarra quando termina il suono delle vicine campane, che accompagnano l'emozione del ragazzo un attimo prima che inizi a suonare. Quella musica da due settimane segna il battito del cuore di una Roma che si commuove, mentre il sole tramonta su San Pietro. C'è qualcosa di più emozionante di una chitarra elettrica che piange note immortali? Mentre il giovane musicista suona per la sua città, sembrano non reggere i paragoni. Un ciuffo ribelle e controluce impervia su quella maglia azzurra, una maglia che fa rima con quel tricolore che si staglia sulla piazza attorniata dalle opere architettoniche del Bernini. Fabio, padre orgoglioso del suo giovane figlio, ogni giorno insieme a lui sceglie il tema musicale che per pochi minuti farà compagnia ai fortunati dirimpettai. Tanti i successi riprodotti, dall' "Adagio" di Albinoni, a "Mascagni - intermezzo dalla Cavalleria Rusticana", tra i più toccanti e noti brani della lirica italiana, passando per "Playing Love" o "Nessun Dorma", fino alle struggenti note di Puccini e della sua "Tosca". Quale sarà la prossima canzone? Non resta che guardare in alto verso i tetti di Roma, per tendere le orecchie ed ascoltare in lontananza una chitarra elettrica che suona.

(Video di Paolo Pirrocco/Ag.Toiati)

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani