Coronavirus, a Termini la polizia controlla i moduli per l'autocertificazione

EMBED
Qualcuno li ha chiamati i “furbetti del coronavirus”. Persone che non potrebbero spostarsi, secondo quanto previsto dal decreto del presidente del Consiglio dei Ministri, che prevede regole stringenti per chi si muove in Italia. E per intercettarli, la Polfer ha intensificato i controlli, a Termini, mentre in città, con tutte le altre forze dell'ordine – carabinieri, Guardia di Finanza e Vigili – sta effettuando posti di blocco e pattugliamenti mirati. A Termini, gli agenti – muniti di mascherine – stazionano in un apposito stand, dove viene fornito il modulo per l'autocertificazione, necessario per viaggiare. Ma qui rispondono anche alle domande di chi non vuole commettere errori. Controlli a campione, inoltre, in tutte la zona della stazione.
 
 

Leggi anche:->Coronavirus, si intensificano i controlli della polizia nelle stazioni

I check-point dedicati ai viaggiatori sono stati allestiti dalla Polfer in tutte le principali stazioni: qui c'è un desk per consentire la compilazione del modulo di autodichiarazione che attesti comprovate esigenze che li autorizzano a viaggiare, prima di essere indirizzati ai varchi sorvegliati anche con la collaborazione di personale di Protezione Aziendale di Rete Ferroviaria Italiana. Le operazioni di controllo si svolgono nel rispetto delle misure di prevenzione, avendo cura delle distanze di sicurezza.

Leggi anche:-> Coronavirus, autocertificazione per gli spostamenti: ecco il modulo da scaricare


(Servizio di Marco Pasqua - video di Francesco Toiati)

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani