Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giorgia Surina presenta a Porto Cervo il suo primo libro

EMBED

(Adnkronos) - Giorgia Surina, attrice, speaker radiofonica e scrittrice, dalla terrazza dell’Hotel delle Rose di Porto Cervo, ieri sera in occasione della seconda serata della kermesse estiva de La Ragione “Voci e Storie a Porto Cervo” ha presentato il suo primo libro “In due sarà più facile restare svegli”.  

Tanti gli spunti riflessione e dibattito che nascono dal nuovo progetto editoriale di Giorgia Surina. Temi attuali e difficili: il desiderio di maternità, l’identità femminile e familiare. Un romanzo, quello di Giorgia Surina, toccante e delicato che vuole affrontare con coraggio e fermezza un tabù nella nostra società, quello della pratica della procreazione assistita. Una pratica, la PMA, sempre più diffusa, e costellata di gioie, dolori, emozioni e paure. Un tema nascente e di cui ancora si fa fatica a parlare. “Con questo romanzo”, afferma Surina, “vorrei fare luce su un tema ancora oggi tabù, di cui non si parla e che spesso rimane nascosto nell’omertà, di cui ancora c’è una grande vergogna”. 

A mettere al mondo un figlio tutti prima o poi ci pensano, ma che succede per una donna che alla soglia dei quarant’anni non ha nessuna prospettiva di realizzarlo? Fare un figlio, da sola, è un atto di puro egoismo, di straordinaria pazzia o di amore? “Esistono tante forme di amore e tantissimi modi di diventare mamma. La famiglia è quella che ci costruiamo e, soprattutto, che desideriamo”, commenta Surina. 

Dalla chiacchierata con il Direttore de La Ragione Fulvio Giuliani emerge anche come ancora, soprattutto al Sud vi siano tanti preconcetti e paure nell’affrontare un tema cosi delicato, come la maternità sigle e la PMA. “Per scrivere questo libro, ho intervistato tante ragazze che arrivano da tante parti d’Italia” racconta Surina. “Molte di loro e soprattutto quelle che venivano dal Sud mi dicevano, non solo, di aver fatto fatica a convincere loro stesse per una decisione che mai avrebbero voluto prendere lo scoglio più grande sono state soprattutto le loro famiglie e i loro amici”.  

Giorgia Surina è consapevole di muoversi su un piano inclinato e scivoloso, esposta alle critiche di chi vede nella scelta della maternità (o paternità) di un single un atto in cui amore e generosità rischiano di confondersi con l’egoismo dell’amore a tutti i costi. “Lo so, sono consapevole di quanto per tanti nel nostro Paese possa apparire disturbante anche solo parlarne - ammette - ma sono fermamente convinta che solo affrontando i ‘non detti’ si possa evolvere come società”.  

Una strada in salita, tortuosa e costellata di paure, dubbi, sacrifici e amore che Giorgia Surina ha provato a ripercorrere in questo nuovo romanzo. L’appuntamento ora per il prossimo appuntamento di Voci e Storie a Porto Cervo è martedì 16 agosto con il direttore editoriale de La Ragione, Davide Giacalone e lo scrittore Andrea Pamparana. Tutti gli incontri diventeranno podcast e contenuti fruibili sul sito web de La Ragione www.laragione.eu app e social.