I 100 anni di Alberto Sordi, Paola Comin: "Detti la notizia della sua morte prima al Messaggero, era il suo giornale"

EMBED
Paola Comin è stata per oltre un decennio l'ufficio stampa, ma anche la consigliera di Alberto Sordi. Al Messaggero ricorda alcuni tratti del carattere, gli strategemmi per "non dire mai di no" alla gente che gli chiedeva continuamente una presenza. "Amava il suo pubblico e gli piaceva presenziare agli eventi nell'ultimo periodo quando non girava più tanti film. Non posso dimenticare un particolare: la notte in cui morì nel febbraio 2003 la prima telefonata la feci proprio al Messaggero, a Gloria Satta che era il suo punto di riferimento negli anni in cui scrisse la sua rubrica. Poi la seconda telefonata fu all'Ansa". E Paola ci mostra in casa sua uno dei quadri più cari: "La splendida copertina con quel titolo che è ancora oggi il saluto giusto per Albertone: Ciao, con il sorriso".

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani