Avezzano, terra di campioni col cuore sulla bici

Incastonata nel territorio marsicano dell’Abruzzo, la città ha dato i natali al grande ciclista Vito Taccone e ha accolto la tappa del Giro d'Italia. Qui la storia si intreccia con il paesaggio e la cucina regala sorprese

Avezzano, terra di campioni col cuore sulla bici
di Maria Serena Patriarca
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Maggio 2024, 06:00

Si potrebbe definire come il trampolino di lancio per esplorare l’affascinante territorio marsicano, in Abruzzo: Avezzano (in provincia di L’Aquila), che ha di recente accolto la tappa 9 del Giro d'Italia, si presta ad un weekend all’insegna dell’arte, dell’archeologia, della natura e dell’enogastronomia d’eccellenza a km zero. Quest'area è il cuore della Marsica, zona storico geografica adagiata sul bordo nord occidentale della conca del Fucino, dominata, sul versante settentrionale, dal Monte Velino, e la cittadina di Avezzano rappresenta un vero esempio di resilienza, poiché oggi ci appare così come si è risollevata dal devastante terremoto del 1915. Il Castello Orsini Colonna, il Santuario della Madonna di Pietraquaria, il Palazzo Municipale (con la sua architettura neogotica), la Cattedrale di San Bartolomeo, tra le più grandi dell'Abruzzo, sono solo alcuni degli spunti per programmare una visita in questa destinazione abruzzese.

I MONUMENTI

In piazza Cavour non passa inosservato il monumento dedicato a Vito Taccone, campione del ciclismo negli anni ’60, nato proprio ad Avezzano, detto il Camoscio d’Abruzzo per la sua passione per le scalate in montagna. Ma i “travel tips” su Avezzano non finiscono qui: in quello che un tempo fu il Mattatoio della città, oggi sorge il fulcro museale, che comprende il Museo del Prosciugamento del Fucino (pensate che, al pari della realizzazione del Canale di Suez, il prosciugamento del Lago del Fucino è stata la più grande opera idrica a livello mondiale) e il Museo Lapidario Marsicano. Suggeriamo di non perdere la mostra archeologica TerraLevis (fino al 16 giugno), dedicata alle necropoli della Marsica, con un suggestivo e raffinato letto funerario e, soprattutto, i misteriosi Dischi di Bronzo del VII secolo a.C. ritrovati nelle sepolture femminili: fanno ipotizzare persino l’esistenza di una casta di donne guerriere tra i fieri Marsi. Atteznione alla Lapide di Poppaedia, della II metà del primo secolo a.C., dove sono incisi infradito femminili, un beauty case “ante litteram” e addirittura un vezzoso ombrellino.

Se amate l’archeologia programmate anche un’escursione nei Cunicoli di Claudio, in una zona naturale appenninica di grande bellezza (specialmente in primavera, con la fioritura delle orchidee selvatiche di colore viola) a breve distanza dal centro di Avezzano.

Sono una meraviglia ingegneristica dell'epoca romana, fondamentale per il prosciugamento del lago Fucino, e promossa dall’imperatore Claudio. I cunicoli calcarei, realizzati sotto il Monte Salviano, presentano un interessante sistema di pozzi: un’opera di ingegneria unica. I Cunicoli di Claudio si possono visitare con visite guidate prenotabili sulla pagina Facebook della Soprintendenza ABAP (Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di L'Aquila e Teramo). Le visite sono organizzate in gruppi di massimo 15 persone, e ognuno dei partecipanti indossa un caschetto simile a quello degli speleologi: consigliati scarpe tipo trekking e giaccone, per proteggersi dal clima umido e fresco all’interno.

GLI IPOGEI

Nel corso della visita si ha la sensazione di entrare nelle viscere della terra, per esplorare una destinazione ancora poco nota eppure davvero affascinante. A breve distanza dai Cunicoli uno stop over lo merita l’Incile del Fucino, l'infrastruttura idraulica voluta dal principe Alessandro Torlonia nell’Ottocento, dominata da una gigantesca statua dell’Immacolata (nota come il “Madonnone”). L'Incile, il cui impianto è tuttora funzionante, è gestito dal Consorzio di Bonifica Ovest e le aperture al pubblico dipendono dalle condizioni meteorologiche (info: www.bonificaovest.it). Un fine settimana ad Avezzano è sinonimo di full immersion nella buona cucina e nei sapori di un tempo. Le famose patate IGP del Fucino costituiscono una punta di diamante culinaria di questo territorio. Piatti a base di tartufo e porcini, le famose pallotte cacio e ova fatte in casa, e le erbe culinarie genuine della tradizione, come la cicoria “matrona” (particolare cicoria selvatica della zona) o l’aglio orsino (erba depurativa molto amata dagli orsi marsicani, che la consumano al risveglio dal letargo) fanno parte della tradizione culinaria locale, così come le caratteristiche pagnotte impastate con farina e patate bollite. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA