Alla scoperta di Norchia, la "piccola Petra" del Lazio

Domenica 7 Giugno 2020 di Maria Serena Patriarca
Norchia

C’è una città fantasma nel Lazio, precisamente nella Tuscia non lontano da Vetralla, che rievoca, in piccole dimensioni, il fascino di Petra. Benvenuti a Norchia, necropoli etrusca certamente meno conosciuta di altri siti archeologici simili, ma non meno affascinante e maestosa nel suo genere. Nonostante il sito non sia sufficientemente segnalato, chi è fortemente motivato nel camminare attraverso sentieri naturalistici e archeologici fuori dall’ordinario troverà piacere a trascorrere anche un’intera giornata esplorando Norchia, le sue imponenti tombe (specialmente le Tombe Doriche), e le vallate verdi battute dal vento, intervallate da corsi d’acqua e boschi da fiaba, come quello che circonda la Fonte del Paradiso.
 

 

La necropoli, che costituisce l’esempio più significativo di architettura funeraria rupestre di Età Ellenistica, è databile fra il IV e il II secolo a.C. e le sue Tombe a Dado fanno davvero pensare ad una piccola Petra nel Lazio. Gli spazi superiori di queste costruzioni erano riservati ai pasti rituali e alle libagioni, mentre nella parte inferiore c’erano le camere funerarie vere e proprie, oggi un tutt’uno con la vegetazione lussureggiante. Da vedere anche le tombe e le nicchie votive scavate nella roccia tufacea che affacciano sul precipizio del vallone, per la loro suggestiva e arcana bellezza. Il nome antico della città era Orcla, e sorgeva sul punto di confluenza dei corsi d’acqua Pile e Acqualta nel fiume Biedano.

Varie epoche convivono nella vallata di Norchia, dove spiccano anche i resti del castello medievale del XIII secolo d.C. e i resti della Pieve di San Pietro, del IX secolo d.C. Ma ciò che colpisce di più il visitatore sono senz’altro i grandi sepolcri rupestri, una forma di esibizione dello status sociale da parte dell’aristocrazia agraria dell'epoca, che li fece erigere per rendere omaggio al proprio rango. Sebbene è con gli Etruschi che Norchia conobbe il suo massimo splendore, non dimentichiamo che i primi insediamenti qui risalgono al Paleolitico superiore e poi all’Età del Bronzo. Come abbia avuto termine il ciclo di vita di Norchia, nel Medioevo, è ancora avvolto nel mistero: forse un’epidemia potrebbe essere stata la causa dell’abbandono definitivo di questa città, avvenuto nella seconda metà del Quattrocento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani