Bagagli in aereo, trolley e zainetti appesantiscono i prezzi: ecco come orientarsi

Giovedì 3 Ottobre 2019 di Mauro Evangelisti
Bagagli in volo, trolley e zainetti appesantiscono i prezzi: ecco come orientarsi

«Per Natale sto prenotando una settimana a New York con mia moglie, ma per il volo ho scoperto che costa moltissimo il bagaglio, cosa è successo alle compagnie aeree?» si chiede Franco, mentre sta tentando di ottenere la tariffa migliore. Per una coppia imbarcare o meno la valigia non è una scelta che vale una manciata di euro: alla fine incide anche per 200 euro. Anche quando si viaggia in Europa, inoltre, la disponibilità ad adattarsi al solo bagaglio a mano è fonte di un risparmio notevole; detta in altri termini: se davvero non riesci a limitarti al trolley che sta nelle famigerate cappelliere allora ti aspetta una stangata significativa, che può essere (esempi a campione senza valore statistico) di 40 euro sull'andata e ritorno per un Roma-Parigi con Alitalia (la differenza che puoi trovare tra una tariffa light e una classica), di 28 euro per un Roma-Londra con British (variazione tra la economy basic e quella plus), di 30 euro per un Roma-Barcellona con Ryanair (su un bagaglio da 20 chili).

LEGGI ANCHE Check-in on line e bagagli: ecco come evitare le file

A BORDO
Alcune cose da sapere: ormai il bagaglio grande imbarcato a pagamento non è più solo una esclusiva delle compagnie low cost; una parte delle compagnie tradizionali lo hanno ancora gratuito, ma molte altre lo fanno pagare; ogni compagnia ha regole proprie quindi studiatele bene prima di partire e di prenotare. E poi c'è l'ultima svolta: neanche il bagaglio a mano ora è gratuito per alcune low cost. Partiamo proprio dal tema complicatissimo delle regole sul trolley a bordo. Ci sono due low cost - Wizzair e Ryanair - che hanno fatto scelte estreme. Assolutamente legittime, basta conoscerle e verificare se la tariffa finale, sulla base delle proprie esigenze, è ancora la più conveniente. In sintesi: con Ryanair puoi portare senza pagare un piccolo zaino, misure 40 per 20 per 25 centimetri che possa stare sotto il sedile. Se invece vuoi con te a bordo il trolley - quello tradizionale da 55 centimetri per 40 per 20 che non deve pesare più di dieci chili e per il quale per anni in passato ci sono state epiche battaglie tra passeggeri sregolati e personale Ryan severo - ora devi pagare l'imbarco prioritario. Per il volo campione Roma-Barcellona preso ad esempio con partenza il 17 ottobre e ritorno il 22 la tariffa appare allettante, 31 euro, ma con il trolley a bordo devi pagare altri 21 euro. In alternativa puoi imbarcarlo a 24 euro o imbarcarne uno più pesante, da 20 chili, a 30 euro.

Tra l'altro anche le tariffe del bagaglio variano, aggiungendo difficoltà al rompicapo. Wizzair, low cost ungherese molto popolare per le rotte verso est, ha una regola simile: gratuito lo zainetto, a pagamento (da 8 euro a tratta il trolley a bordo), più cara la valigia da 20 chili da imbarcare, da 19 euro a tratta. Altre low cost come Vueling ed Easyjet hanno mantenuto il trolley a bordo gratuito (e non è cosa da sottovalutare), ma se si esaurisce il posto nelle cappelliere viene comunque messo in stiva (non si paga ma può essere un problema se avevi all'interno oggetti di valore). Come detto, anche le compagnie tradizionali - esempi Alitalia, British, Klm - offrono tariffe più convenienti se viaggi con il solo bagaglio a mano che però è rimasto gratuito.

INTERCONTINENTALI
Questa è un'altra delle vere novità. Sul lungo raggio il bagaglio imbarcato è a pagamento non solo con le compagnie a basso costo come Norwegian, ma anche in quelle tradizionali come le americane e varie europee. Il trolley a bordo, con peso consentito che in genere oscilla tra gli otto e i dieci chili, è invece sempre gratuito. Per il volo natalizio a New York (andata e ritorno) con Norwegian il bagaglio imbarcato incide per 80 euro a persona, mentre prendendo come esempio Alitalia la differenza tra la tariffa light (solo trolley) e quella con valigione in stiva è di di 100 euro a passeggero.

LE VARIABILI
Nel fare i raffronti però vanno calcolate anche altre variabili come i pasti e la prenotazione del posto (altro salasso di recente ideazione). Se volate verso l'Asia in linea di massima è più semplice trovare compagnie in cui il bagaglio imbarcato non comporti un aumento della tariffa. Ma al di là del costo, salvo particolari esigenze riuscire a volare sempre con il solo bagaglio a mano è comunque meglio: non devi fare la fila al check-in, non devi aspettare la restituzione al nastro con il cuore in gola, non rischi che la valigia vada perduta. Quasi mai andate nella foresta amazzonica a trovare Mister No e molti prodotti potrete acquistarli sul posto (evitando anche l'ansia del limite dei liquidi nel bagaglio a mano). Inoltre, se viaggiate in coppia può essere una fonte di risparmio, con le compagnie che lo consentono, acquistare la possibilità di mettere il bagaglio in stiva per uno solo dei viaggiatori, perché la somma della valigiona consegnata al check-in più i due trolley a bordo già può essere sufficiente. Addirittura, se contate di fare shopping pesante nel famoso viaggio a New York potete valutare di acquistare il diritto a mettere in stiva il bagaglio solo per il ritorno.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma