Colazione con le giraffe e pisolino tra i leoni: Africa no limits

Lunedì 25 Febbraio 2019 di Francesca Spanò

In Kenya si può dormire in una tenuta piena di giraffe, mentre in Sudafrica si può pernottare in una dimora circondata dai leoni: per chi è alla ricerca di un viaggio che non sia il solito tour turistico, potrebbero rappresentare due valide alternative. Sono molto differenti, però. Nel primo caso, infatti, le simpatiche giganti della savana sono abituate al contatto con le persone e, anzi, raggiungono gli ospiti per colazione, con il “re della foresta”, invece, non si possono tentare approcci disinvolti come è normale che sia.
 

 

Il Giraffe Manor, in Kenya: metti uno spuntino con le giraffe

Quando i grandi centri abitati diventano solo un eco lontano, ci si addentra nel fitto verde alla ricerca di uno dei rifugi più curiosi e divertenti del mondo. Nell’Africa orientale è la scelta preferita di molti turisti che hanno appena trascorso qualche giorno di safari e vogliono un contatto diverso con una simpatica specie come quella delle giraffe. Si chiama proprio Giraffe Manor, infatti, la tenuta dove andare in vacanza con loro che sono letteralmente ovunque e, a volte, persino impertinenti. Alle prime luci del mattino, ad esempio, attendono che gli ospiti generosi allunghino la mano con un po’ di cibo e, dunque, eccole capaci persino di infilare la testa dalla finestra con il chilometrico collo e uno specialissimo sguardo di buongiorno. Intorno a 140 acri di vegetazione indigena, questa è ormai la loro casa, insieme a quella di diverse specie di uccelli, grandi famiglie di facoceri e il Bush Buck, che appartiene alla specie delle antilopi. La dimora di proprietà del The Safari Collection, vanta sei camere da letto e una suite, risale al 1932 ed è modellata su un capanno di caccia scozzese con vista sul Kilimangiaro. Le giraffe, invece, fanno parte della specie Rothschild e ne sono rimasti pochi esemplari, alcuni dei quali si sono trasferiti qui a partire dagli anni Settanta.

In Sudafrica, letto con vista…leoni

Si chiama Lion House ed è una proposta più unica che rara, nel cuore dell’Africa. Grazie ad Airbnb, infatti, si può soggiornare vicino a 70 leoni per qualche notte di pura adrenalina. Con il prezzo di 84 dollari, dunque, si può avere una vista privilegiata ma solo per i viaggiatori intrepidi che sanno adattarsi a certe situazioni. Si tratta di un posto sicuro con una recinzione elettrica che non può essere superata dai felini, ma certo fa una sicura impressione sentire tanto vicino i loro ruggiti potenti. Nel cottage, invece, si trovano letti matrimoniali in ogni camera e un giardino esterno per il barbecue. Non manca il wi-fi e accompagnatori specializzati per entrare e uscire dalla struttura. Parte del ricavato della Lion House, va alla conservazione e alla cura dei leoni del santuario.
 
 

Ultimo aggiornamento: 16:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La generazione che snobba i motorini e pure i bolidi

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma