Roseto Valforte offre 5000 euro per vivere nel borgo "fantasma": la sindaca contro la fuga dei residenti

L'obiettivo è favorire il ritorno o la permanenza in paese di nuove attività

Foto dal sito dei Borghi più Belli d'Italia
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 19 Gennaio 2022, 13:33

Cinquemila euro per risiedere nel borgo del foggiano e aprire un'attività commerciale. Li offre la sindaca di Roseto ValfortoreLucilla Parisi come strategia per combattere lo spopolamento che sta investendo questo paesino montano in provincia di Foggia, considerato tra i Borghi più belli d'Italia, ma che oramai ha poco meno di mille abitanti.

E' una battaglia, quella della sindaca, contro la "fuga" dei residenti che da anni depaupera la realtà di questo borgo. Con un finanziamento straordinario del Ministero dell'Interno destinato alle aree interne marginali, il comune guidato dalla Parisi punta ad assegnare 5 mila euro a favore di nuove attività commerciali, artigianali e agricole pronte ad aprire sul nostro territorio e a chi trasferisce la propria residenza e dimora abituale nel comune di Roseto Valfortore.

Mercato immobiliare: «Dopo il Covid caccia a prime case più grandi e più verdi»

L'obiettivo è favorire il ritorno o la permanenza in paese di nuove attività attraverso un contributo economico una tantum e a fondo perduto, per far fronte ad una situazione che vede diminuire di giorno in giorno l'offerta commerciale e di servizi e aumentare il flusso migratorio di chi abbandona il luogo di nascita con una grave conseguente diminuzione della popolazione residente.

Valle d'Aosta, case in vendita a 1 euro a Oyace: lo smart working e il nuovo fenomeno del ripopolamento rurale

Il fondo, informa il comune, è rivolto prioritariamente ai rosetani emigrati. Il comune non è nuovo ad iniziative importanti contro lo spopolamento del suo territorio. Nell'aprile 2021 per restituire decoro e bellezza al piccolo centro, attirare turisti e offrire opportunità di lavoro, il Consiglio Comunale aveva deciso di acquisire le abitazioni abbandonate e assegnarle a privati cittadini o a imprenditori desiderosi di investire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA