Lago Trasimeno, da Castiglione del Lago all'Isola Polvese tra castelli, borghi, arte e dame

Isola Polvese
di Maria Serena Patriarca
3 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Giugno 2021, 15:12 - Ultimo aggiornamento: 15:13

Lago Trasimeno superstar. Oggi vi portiamo alla scoperta di alcune delle eccellenze di questo territorio umbro ricchissimo dal punto di vista artistico, naturalistico, enogastronomico. Partiamo da Castiglione del Lago, uno dei Borghi più Belli d’Italia, dalla cui maestosa Rocca si domina uno dei panorami più belli del Lago in assoluto. In questi giorni (e fino al 27 febbraio 2022) a Palazzo della Corgna, a Castiglione del Lago, si può ammirare la mostra “La Castiglione dei Della Corgna. Una dinastia tra gesta eroiche e vita di corte”, che approfondisce vicende e segreti di una delle famiglie nobiliari che hanno segnato la storia di questo territorio e non solo.

E proprio nell’incantevole Sala del Teatro di Palazzo della Corgna, per mettere in luce tutte le potenzialità del territorio in vista della sfida della ripresa del turismo dopo i duri mesi di fermo dovuti al Covid, si è tenuta la conferenza “La ninfa, il lago, il palazzo, gli amori. Viaggio alla riscoperta di un territorio meraviglioso”, iniziativa promossa da Urat (Unione Ristoratori Albergatori del Trasimeno) con la collaborazione dell’Unione dei Comuni del Trasimeno e di Palazzo Pantini Nicchiarelli (storica dimora del borgo).

 

La famiglia Della Corgna è stata così rilevante nella storia del borgo che ancora oggi viene tramandata la tradizione di mettere in scena, attraverso attori e figuranti in costume, le vicende dei principali membri della casata, nelle location più suggestive del centro storico. Da Castiglione del Lago, ricco fra l’altro di botteghe artigiane e gallerie d’arte nei suoi vicoli, facciamo ora rotta su Panicale, borgo che racchiude in sé un autentico gioiello dell’arte sacra: la Chiesa di San Sebastiano con il Martirio, straordinario affresco del Perugino.

Nella stessa chiesa è conservato anche un altro tesoro dell’arte italiana: si tratta dell’affresco di Raffaello Sanzio raffigurante la Madonna col Bambino, Angeli musicanti e santi Agostino e Maria Maddalena. Non lasciate Panicale senza una visita al Museo del Tulle, tipica forma di artigianato del luogo, e al delizioso Teatro Cesare Caporali, uno tra i più piccoli d’Europa. Adesso facciamo rotta su Sant’Arcangelo e San Feliciano, importanti centri di pesca sul Trasimeno, per imbarcarci in direzione dell’Isola Polvese, a detta di qualcuno l’isola più affascinante delle tre del Lago, e certamente la più selvaggia: un tempo riserva di caccia, oggi è un territorio di eccellenza per la produzione dell'olio.

Una volta approdati la tappa d’obbligo è all’imponente Castello e alla Chiesa di San Giuliano. Sull’isola oggi sorge un resort e la spiaggetta sembra evocare un piccolo angolo di mare nel cuore dell’Umbria. Il relax e la quiete del luogo sono ideali per praticare attività olistiche, come yoga e meditazione, e tanti turisti stranieri scelgono di staccare la spina da tutto e rilassarsi su questa piccola isola, perla del Lago. Tornati a Sant'Arcangelo, passando per Passignano sul Trasimeno, ci si può avventurare nei luoghi famosi per essere stati scenario della battaglia di Annibale, che sconfisse in un epico scontro gli eserciti romani a Tuoro sul Trasimeno. Per ulteriori info www.lagotrasimeno.net.

© RIPRODUZIONE RISERVATA