Lago di Bolsena da vedere, da mangiare e da fare: le 3 cose da non perdere

Un romantico weekend al Lago di Bolsena tra passeggiate a cavallo, trekking, assaggi tipici e un glamping speciale con grandi “Bubble” trasparenti

Le Perseidi, il glamping al Lago di Bolsena
di Sabrina Quartieri
7 Minuti di Lettura
Sabato 18 Dicembre 2021, 13:22

Una fuga di un weekend nell’Alta Tuscia all’insegna del romanticismo e a contatto con la natura, facendo base in una location straordinaria al Lago di Bolsena, dove si trascorre la notte in una sfera gigante, per addormentarsi guardando le stelle. L’insolita struttura si chiama “Le Perseidi” ed è un agglomerato di “Bubble” giganti, colorate e trasparenti, ideali per gli amanti del “glamping” (l’ormai iconico campeggio glamour). Per soggiornarci, occorre arrivare a San Lorenzo Nuovo, un paesino del Viterbese vicinissimo al lago e, proprio per questo, adatto a chi vuole concedersi una due giorni rilassante, immergendosi in una natura impreziosita dagli affascinanti borghi che si affacciano sullo specchio d’acqua.

Come Bolsena, con la Rocca e i suoi imperdibili scorci medievali. Facendo base a “Le Perseidi”, poi, è possibile raggiungere in poco tempo Civita di Bagnoregio, un piccolo abitato divenuto un caso turistico a livello internazionale come luogo da salvare e candidato a Patrimonio Unesco: arroccato sopra una rupe tufacea che lentamente si erode, il luogo è conosciuto per questo come “il paese che muore”. Ancora, spostandosi di poco, si arriva al Castello di Torre Alfina, con la cittadina omonima inserita nella lista dei Borghi più Belli d’Italia. Chi, invece, preferisce fare a meno per una volta dell’automobile, può optare per gite a cavallo o a piedi, tra fitti boschi e il placido lungolago, scoprendo il territorio senza stress. Ma il relax al Lago di Bolsena va a braccetto con l’enogastronomia. Questo angolo di Lazio bagnato dallo specchio d’acqua di origine vulcanica più grande d’Europa, infatti, offre diverse specialità culinarie, a partire dal pescato locale, da assaggiare, per un’altra esperienza fuori dall’ordinario, in un suggestivo ristorante tirato su a mo’ di palafitta. 

Dalle passeggiate a cavallo al trekking, dalle prelibatezze tipiche fino al glamping nelle “Bubble”: cosa non perdere al Lago di Bolsena

Un romantico weekend al Lago di Bolsena, da vivere in modo “slow” alla scoperta dell’Alta Tuscia nel Lazio, rifugiandosi in una oasi di pace e di privacy puntellata di giganti “Bubble” trasparenti, per provare l’esperienza di un glamping “spaziale”. Facendo base a “Le Perseidi” a San Lorenzo Nuovo, l’avventura continua in sella a un cavallo o a piedi, per esplorare senza fretta il territorio boscoso o il lungolago di questa zona del Viterbese, da conoscere anche attraverso i sapori della tavola. Su tutti, l’anguilla, già apprezzata al tempo degli Etruschi e dei Romani, proposta nella speciale location del ristorante-palafitta Trattoria del Moro.  

Cosa vedere in Valtellina: sette tappe alla scoperta delle Dop Casera e Bitto, i re dei formaggi

1. Scoprire il territorio in sella a un cavallo o facendo trekking

Con le attività acquatiche pressoché ferme durante la rigida stagione invernale, il Lago di Bolsena diventa la meta ideale per gli amanti delle escursioni a cavallo e delle passeggiate con scarponcini e zaino in spalla. Le gite in sella sono pensate per esperti e principianti dell’equitazione e vengono organizzate dai maneggi del territorio. Come il centro ASD Il Quadrifoglio a San Lorenzo Nuovo, a poca distanza dalle “Bubble”, che propone rilassanti itinerari nella natura. Ad accompagnare i gruppi è la titolare Valeria Bersaglia, esperta conoscitrice degli angoli più nascosti della zona. Al suo seguito, si può partecipare a un’uscita all’ombra dei canneti lungo le rive del Lago di Bolsena, che si conquistano dopo aver attraversato quel che resta del cosiddetto “paese vecchio”, in cui anticamente sorgeva San Lorenzo Nuovo. Durante il tragitto, inoltre, è possibile osservare da vicino delle tombe etrusche. Pregna di fascino e di spiritualità è invece la passeggiata a cavallo lungo un tratto della Via Francigena, la celebre strada dei pellegrini che, in questo caso, interessa la parte tra San Lorenzo Nuovo e Bolsena, in un panoramico saliscendi tra uliveti, vigneti e boschi, con il lago sullo sfondo. Gli amanti del trekking, invece, possono immergersi nella natura scegliendo di esplorare il Parco archeologico-naturalistico di Turona, qualche chilometro a sud di Bolsena. Il contesto è eccezionale, anche grazie ai resti dell’abitato etrusco dell’antica Civita d’Arlena che si incontrano, come il piccolo tempio costruito presso una grande fenditura rocciosa. 

1. Passeggiata a cavallo verso il Lago di Bolsena

2. A tavola con le specialità culinarie locali in un ristorante-palafitta

Se al Lago di Bolsena si cerca una location suggestiva, dove assaggiare la cucina della tradizione, il posto da raggiungere è la Trattoria del Moro. Il ristorante, infatti, sorge proprio sopra lo specchio d’acqua, grazie alla sua struttura che appare come una grande palafitta e sulla balconata sorretta da ben 60 passoni di legno, si vive la gradevole sensazione di stare in mezzo al lago. L’insegna a Bolsena è storica: la sua attività risale agli anni ’60, quando l’imprenditore del Cin Cin Bar Gino Mancini, detto “Il Moro” per i suoi tratti spiccatamenti mediterranei, decide di inaugurare la sua Trattoria. Da allora, qui, a conquistare i palati dei clienti è soprattutto l’Anguilla alla vernaccia, una specialità la cui ricetta non è stata ancora svelata (persino Dante la menziona nel Purgatorio, quando parla di Papa Martino IV, che si dice fosse morto a seguito di una scorpacciata di anguille di Bolsena “alla Vernaccia”). Ma questa prelibatezza è solo una delle tante portate tipiche del territorio vantate dalla trattoria. Un locale che nel tempo è diventato anche pizzeria e propone in carta ben 40 vini di oltre 20 cantine, tutte situate nel raggio di 20 chilometri. La zona, del resto, è rinomata per i suoi Doc, dall’Aleatico di Gradoli, rosso, al bianco Est!Est!Est!!!. 

2. Trattoria del Moro al Lago di Bolsena

Lapponia da vedere e da mangiare, le 3 cose da non perdere

3. Fare glamping sotto le stelle nelle “Bubble” trasparenti vista lago

Addormentarsi in una grande sfera trasparente di design, guardando le stelle. L’esperienza - unica nel Lazio - di fare glamping pernottando all’interno di una gigante “Bubble” è la proposta imperdibile de “Le Perseidi”, un campeggio glamour inaugurato da qualche mese che si trova a San Lorenzo Nuovo, vicino al Lago di Bolsena. I colorati alloggi disponibili sono tutti dotati di una mini piscina esterna con idromassaggio. Al momento se ne contano quattro (con prezzo di partenza pari a 200 euro): sono Mercurius, Venus e Mars, tre camere standard con letto a baldacchino e bagno privato, e la “Bubble” suite Sol, più ampia rispetto alle altre e dotata sia di una vasca da bagno interna che di un telescopio, per ammirare la volta celeste da vicino. Presto a “Le Perseidi” arriveranno Jupiter, Saturnus e Luna, anche quest’ultima una suite. Ma l’indirizzo, sebbene la struttura debba ancora essere completata, è già “the place to be” per chi cerca un luogo dove festeggiare un’occasione speciale. Al glamping, poi, è possibile abbinare una intrigante proposta gastronomica: richiedendo la tavola country-chic imbandita nella “Bubble”, al romanticismo del posto si uniscono delle appetitose pizze a forma di cuore. Il risveglio è più dolce con il cestino per la colazione traboccante di leccornie. 

3. Una Bubble del glamping Le Perseidi al Lago di Bolsena

© RIPRODUZIONE RISERVATA