Daniela Virgilio, praticamente perfetta: «Essenziale, ordinata e sempre pronta»

Daniela Virgilio
di Mara Azzarelli
4 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Agosto 2013, 14:36 - Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 19:30

Bellissima Patrizia della serie televisiva Romanzo Criminale. Spaventosa Aurora nel film horror di Gabriele Albanesi dal titolo “Il bosco fuori”. Una, nessuna, centomila Daniela Virgilio.

Camaleontica attrice romana è già un’icona femminile per il pubblico, in primis per quello giovanile, che non dimentica la spavalda e sensualissima compagna del Dandi nella serie che ha trascinato, appassionato e fatto discutere come poche altre negli ultimi anni. Daniela, interprete anche del video Parole di ghiaccio del rapper Emis Killa, a dire di molti è una giovane stella destinata a brillare. E molto. Spesso impegnata all’estero per motivi di lavoro si lascia catturare a Londra per questa intervista al Messaggero.it in cui, parlando di viaggi, si leva la maschera da femme fatale e ritorna la donna a cui il successo non ha fatto dimenticare amici e affetti specie sul litorale romano dove è nata e cresciuta. Dolce rifugio privato fra una partenza e l’altra.

L’ultimo viaggio che hai fatto?

«Dublino, con il mio ragazzo. Siamo andati al concerto di Florence and the Machines».

Il viaggio che porterai sempre nel cuore? E perché…

«Istanbul E' un viaggio che porterò nel cuore perché fatto con un’amica che ho scoperto essere una grandiosa compagna di vita e di viaggio. Istanbul poi ha la bellezza di una città ferma nel tempo».

Quello che non rifaresti mai? E perché….

«In realtà non ci sono viaggi che non rifarei, adoro viaggiare e ogni viaggio mi regala un’essenza e un’unicità che nel bene o nel male lo rende indimenticabile. Credo che il mondo andrebbe visto tutto».

L’albergo o il luogo più bello dove hai dormito in vacanza?

«E' stato un hotel a Bodrum, a sud di Istanbul, non ricordo il nome ma ricordo serate intere trascorse a leggere a bordo piscina, faceva troppo caldo per fare qualsiasi altra cosa».

Quando e come fai la valigia?

«La valigia la faccio in modo molto pragmatico e sempre poco prima di partire. In effetti, ora che ci penso, non faccio che fare e disfare valigie. Posso dire che la mia valigia mi rappresenta in pieno: essenziale, ordinata e sempre pronta».

Cosa porti sempre con te quando parti?

«Ovviamente un libro!»

Meglio soli o in compagnia?

«Sempre in compagnia! Per me è fondamentale condividere le cose belle, e in realtà anche quelle brutte».

Libri o e-book?

«Libri, libri, libri indubbiamente libri. Adoro il loro odore e sfogliare le pagine rende meglio l'idea di una storia che va avanti. Tutta un’altra poesia....»

Cellulare acceso o spento?

«Cellulare acceso. La famiglia, il lavoro, ho bisogno di poter essere rintracciabile e di poter rintracciare come e quando voglio».

In una città: guida alla mano e itinerario ferreo o a zonzo senza meta precisa?

«E’ come quando preparo un personaggio. Prima studio i dettagli e le possibilità che mi offre poi però mi dimentico gli itinerari e vado avanti con l’istinto. Mi piace perdermi e trovare cose inaspettate».

Il piatto che più ti è piaciuto?

«Beh in America un mio cugino chef mi ha preparato il brownie fatto in casa con crema di mascarpone. Mi stavo sentendo male dalla bontà. Gnam (ride)»

Eppure tutte le volte c’è qualcosa che dimentichi sempre di mettere in valigia….cosa?

«Capita di rado, ormai sono allenata visto che viaggio spesso anche per lavoro. L'ultima volta ho dimenticato lo spazzolino: banale ma vero!»

Fai molte foto quando sei in vacanza?

«Sì adoro le foto, ne ho casa piena».

Se sì, ti capita mai di riguardarle?

«Sì, sono nostalgica».

Il prossimo viaggio?

«In Portogallo con mia sorella e la stessa amica con cui sono stata ad Istanbul: squadra che vince non si cambia!!!!!!»

Il viaggio che “prima o poi ci vado, giuro…” ?

«L'Australia. Lo sto già organizzando. Quando si parla di viaggi, qui, non si perde mica tempo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA