Caccia alle offerte dei cieli: Air France lancia «Il mondo in tasca»

Giovedì 23 Gennaio 2014 di Marco Berchi
Prosegue senza sosta la rincorsa delle offerte da parte di molti vettori aerei. Certo, il viaggio — specie per destinazioni lontane — non è «solo» il volo e comunque occorre lavorare con attenzione nel confronto tra le destinazioni e tra i reali servizi offerti dalle compagnie ma è vero che la tratta aerea occupa quasi sempre la quota più importante del budget. Così, quando le offerte arrivano dai principali colossi del traffico nei cieli, è bene che chi ha la passione del viaggio stia in campana perché potrebbero verificarsi condizioni irripetibili.



È il caso, fresco di poche ore fa, della promozione «Il mondo in tasca» lanciata da Air France per ben 82 destinazioni su tutto il mappamondo. Le tariffe, non rimborsabili né modificabili, con tasse e supplementi inclusi e con la franchigia standard per il bagaglio, vanno acquistate da subito e sino all’11 febbraio per viaggiare sino al 30 giugno. Qualche esempio: con 496 euro si vola a New York mentre ne servono 599 per Rio de Janeiro e 579 per L’Avana. Ottimi prezzi anche per Mauritius (699), Hong Kong (589), Singapore (639), Pechino (659). Di particolare convenienza a nostro avviso le tariffe per San Francisco (602) e Shanghai (599). Naturalmente va ricordato che si tratta di tariffe «a partire da» e che non tutti i voli e tutte le date permettono di accaparrarsi simili prezzi; ma Air France ha decine di voli giornalieri dagli aeroporti italiani verso l’hub parigino (da Firenze, ad esempio, dal 30 marzo i sei voli giornalieri saranno operati da un aereo più capiente) e quindi non è difficile, per chi si muove per tempo, azzeccare date e orari di proprio gradimento. Noi, in un piccolo test, ci siamo riusciti senza problemi.



Discorso analogo per il brand di KLM, l’altra faccia del gruppo franco-olandese nato nel 2004 dalla fusione delle due compagnie di bandiera. Il vettore dei Paesi Bassi lancia una promozione «gemella» denominata «Pack & Go» con le stesse tempistiche e su 62 destinazioni. Anche qui qualche esempio: si vola a Chicago con 510 euro e per Vancouver c’è una tariffa (davvero buona vista la distanza) a 521 euro. Per volare ad Aruba ne servono 689 e si può andare e tornare da Bangkok con 564.

Anche per Klm i collegamenti tra l’Italia e l’hub di Amsterdam Schiphol sono frequenti e la compagnia annuncia che tornerà dal 26 maggio ad operare su Torino e che dal 30 marzo le frequenze settimanali su Firenze passeranno da 12 a 21.



Un’avvertenza importante: il fatto che Air France e KLM siano un unico gruppo fa sì che spesso la ricerca delle tariffe più convenienti sul sito di una compagnia porti poi a volare con l’altra. Quindi non è detto che chi prenota con KLM si trovi necessariamente a transitare da Amsterdam e può accadere che chi cerca un volo «targato» Air France non faccia scalo a Parigi ma nella capitale olandese.



Infine, una curiosità: con il servizio wannagives (https://wannagives.klm.com) è possibile fare una sorpresa a un amico o a un famigliare mentre si trova a bordo di alcuni voli KLM. Il dono può essere un oggetto, un calice di champagne o anche un upgrade alla classe superiore; lo si sceglie on line sul sito, si paga con carta di credito e il destinatario se lo vedrà recapitare a bordo.







Info e prezzi:

www.airfrance.it

www.klm.it Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio, 15:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani