PAPA FRANCESCO

Papa Francesco modifica il Codice, tribunale ordinario giudicherà cardinali e vescovi «previo suo assenso»

Venerdì 30 Aprile 2021
Papa Francesco modifica il Codice, tribunale ordinario giudicherà cardinali e vescovi «previo suo assenso»

Città del Vaticano – La modifica legislativa voluta dal Papa è tanto tecnica quanto sostanziale. Con un ulteriore motu proprio pubblicato stamattina, Papa Francesco ha abrogato quella norma dell'ordinamento giudiziario che dava alla Cassazione vaticana, previo assenso dello stesso Pontefice, la facoltà di processare vescovi e cardinali nelle cause penali. Di fatto ora nelle cause che «riguardano gli eminentissimi cardinali e vescovi» sarà il tribunale ordinario, presieduto da Pignatone, a giudicare «previo assenso del Sommo Pontefice». 

Della Legge sull’ordinamento giudiziario del 16 marzo 2020 resta in piedi il fatto che il tribunale giudica in un collegio di tre magistrati, designati dal presidente del tribunale tenendo conto delle loro competenze professionali e della natura del procedimento.

Papa Francesco tuona: «Vergogna aver fatto morire quei migranti in mare»

Scrive Papa Francesco: «Alla apertura dell’Anno giudiziario ho inteso richiamare la “prioritaria esigenza, che - anche mediante opportune modifiche normative - nel sistema processuale vigente emerga la eguaglianza tra tutti i membri della Chiesa e la loro pari dignità e posizione, senza privilegi risalenti nel tempo e non più consoni alle responsabilità che a ciascuno competono nella aedificatio Ecclesiae; il che richiede non solo solidità di fede e di comportamenti, ma anche esemplarità di contegno ed azioni. Muovendo da queste considerazioni, e fermo quanto disposto dal diritto universale per alcune specifiche fattispecie espressamente indicate, si avverte oggi l’esigenza di procedere ad alcune ulteriori modifiche dell’ordinamento». 

Di conseguenza il Tribunale vaticano di primo grado sara' competente anche per i processi penali riguardanti cardinali e vescovi, i cui giudizi non saranno piu' di sola competenza della Corte di Cassazione. 

Vaticano, Papa Francesco impone il tetto di 40 euro ai regali: giro di vite anti-corruzione

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA