Vaticano in crisi: in pensione anticipata un terzo dei dipendenti

Giovedì 13 Dicembre 2018 di Franca Giansoldati
6
In Vaticano non esiste la Fornero e nemmeno quota 100 e forse tutto sarà più semplice, ma siccome i nodi (economici) arrivano sempre al pettine, a stretto giro persino i cardinali dovranno mettere mano al sistema pensionistico. Secondo alcuni calcoli nell'arco di 10 anni dovrebbero andare in pensione circa 1500 persone, praticamente un terzo del totale dei dipendenti che attualmente sono distribuiti tra il Governatorato, la Gendarmeria, i Musei Vaticani, la Segreteria di Stato, le congregazioni, la Radio e i servizi ad essa collegati raggruppati nella neonata Segreteria della Comunicazione. Così, per la prima volta, al di là del Tevere si parla seriamente di pre-pensionamenti (soprattutto per le posizioni apicali) e di un piano di dimagrimento per ridurre i costi del personale. Già ai tempi del conclave che ha eletto Francesco, nel 2013, il tema era stato al centro di serrati confronti. La questione era stata poi lasciata cadere temporaneamente anche se era destinata ad affiorare: il peso economico del personale comincia a diventare insostenibile rispetto alle entrate e al calo dell'Obolo di San Pietro.

BUROCRAZIA
Di fatto l'apparato burocratico negli ultimi vent'anni si è sviluppato eccessivamente e ora tocca ridurlo un po', anche se il Papa ha chiesto di non licenziare nessuno ma di applicare con rigore la Dottrina Sociale della Chiesa. Una raccomandazione che è stata fatta sia durante l'ultima riunione dei capi dicastero che all'incontro dei cardinali che compongono il C9 (una specie di consiglio della corona con il compito di ridisegnare la curia) dove è stato deciso di procedere a ridurre gradualmente gli oltre 4 mila dipendenti laici. Attualmente in Vaticano si va in pensione a 65 anni, come ha stabilito nel 2009 Benedetto XVI con una mini riforma previdenziale divenuta indispensabile per garantire equilibrio al Fondo Pensioni vaticane. Il rescriptum aveva innalzato un po' l'età arrivando a 65 anni per i laici, e 70 anni per il personale religioso, pari a 2000 tra suore e preti in forze negli uffici d'Oltretevere. Esentati da queste regole sono invece gli arcivescovi e i cardinali che si ritirano dal servizio a 75 anni. L'ipotesi al momento abbozzata riguarda 1500 persone da mandare in pensione o pre-pensionare nell'arco di 10 anni. Il cardinale Reinhard Marx, coordinatore del Consiglio per l'Economia, ieri ha affrontato il problema apertamente, mettendo sul tavolo numeri, cifre, proiezioni, costi operativi. Ha anche parlato di ricollocamenti, mobilità del personale e del rispetto del blocco delle assunzioni. Chi andrà in pensione non dovrebbe più essere sostituito nella speranza di snellire un po' alcuni dicasteri che sembrano effettivamente essere cresciuti troppo.

Marx ha proposto persino l'elaborazione di bilanci pluriennali affinché il Consiglio per l'Economia possa formulare delle proiezioni a 5 e a 10 anni per dare una idea più chiara della situazione e di come affrontarla. Insomma, il dimagrimento è iniziato.

  Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre, 09:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA