PAPA FRANCESCO

Vaticano, lo Ior attacca la Segreteria di Stato: presunte irregolarità finanziarie

Mercoledì 2 Ottobre 2019 di Rosario Dimito
Vaticano, lo Ior attacca la Segreteria di Stato sequestrati documenti degli Affari Generali

Spira nuova aria di tempesta in Vaticano per presunte irregolarità finanziarie: nel mirino la Segreteria di Stato, il dicastero di più stretto riferimento nel servizio e collaborazione con il Papa. L'inchiesta, della quale Francesco è stato messo al corrente, si riferisce al periodo (2011-2018) in cui era Sostituto per gli Affari generali Angelo Becciu, attuale Prefetto della Congregazione per le santificazioni. Sempre per restare in ambito vaticano, venerdì 27 settembre si sarebbero dimessi dall'Idi Ruggero Parrotto, ex dg del Bambino Gesù, e Alessandro Zurzolo, direttore amministrativo.

LEGGI ANCHE Il cardinale ceco Dominik Duka nella bufera per avere insabbiato un caso di pedofilia

Tornando alla vicenda Becciu, negli uffici della Segreteria di Stato, Prima sezione, dedicata agli Affari generali, ieri hanno fatto irruzione ieri gli ufficiali della polizia giudiziaria vaticana per una ricognizione che ha portato al sequestro di documenti e computer. Pare comunque che il sequestro si riferisca solo ad alcuni protocolli. Ma perquisizioni sono avvenute anche nell'Aif, l'Autorità di informazione finanziaria alla quale da qualche anno - a seguito della riforma delle finanze vaticane ai fini della trasparenza - è affidata l'attività di intelligence anti-riciclaggio.

LE PERQUISIZIONI
Uno stretto riserbo circonda le operazioni e i contenuti delle indagini coordinate dalla magistratura di Oltretevere. Le fonti ufficiali della Santa Sede si trincerano dietro il comunicato. Nel quale si legge: «Questa mattina (ieri, ndr) sono state eseguite, presso alcuni Uffici della Prima Sezione della Segreteria di Stato e dell'Aif, attività di acquisizione di documenti e apparati elettronici». L'operazione, «autorizzata con decreto del Promotore di Giustizia del Tribunale, Gian Piero Milano, e dell'aggiunto Alessandro Diddi, e di cui erano debitamente informati i superiori, si ricollega alle denunce presentate agli inizi della scorsa estate dallo Ior e dall'Ufficio del Revisore Generale, riguardanti operazioni finanziarie compiute nel tempo».

E' stato quindi lo Ior e il Revisore generale, che è l'ufficio cui è delegato l'audit interno su tutti i bilanci della Santa Sede e dei dicasteri vaticani, a indossare l'abito dell'accusatore. Con i nuovi statuti, il Pontefice ha trasformato l'Ufficio del Revisore generale in Autorità anti-corruzione.

Non è chiaro quali siano le «operazioni finanziarie compiute nel tempo» finite nel mirino: potrebbero essere transazioni immobiliari. Il riserbo che avvolge il caso si spiega la delicatezza della situazione: in base alle norme di procedura penale, le attività di sequestro di materiali equivalgono alla notifica di un avviso di garanzia e all'iscrizione nel registro degli indagati. Dal punto di vista temporale, comunque, le operazioni sotto indagine, essendo passate sotto la lente del Revisore generale, dovrebbero riferirsi ai passati bilanci annuali, non all'ultimo esercizio.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma