Da Fides un endorsemente all'operazione militare turca contro i curdi

Martedì 22 Ottobre 2019 di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - Il Vaticano, attraverso l'agenzia Fides della Congregazione di Propaganda Fide, non solo non condanna apertamente l'uso di armi non convenzionali da parte dei turchi contro i curdi, e nemmeno l'invasione della Turchia in territorio siriano, ma - al contrario - sembra mettere in risalto una recente iniziativa interreligiosa  organizzata per esprimere vicinanza ai militari turchi per l'operazione bellica in corso.

Siria, tregua con ripetute violazioni. Erdogan minaccia nuovo attacco, raid sui curdi

Rappresentanti qualificati delle comunità cristiane, ebraiche e musulmane presenti in Turchia hanno preso parte domenica 20 ottobre ad una iniziativa nel Monastero siro ortodosso di Deyrulzafaran, nei pressi della città di Mardin, sull’altopiano di Tur Abdin. «L’incontro - spiega Fides - è stato concepito come momento condiviso di spiritualità e di riflessione comune, con l’attenzione rivolta al contesto dell’operazione militare Sorgente di pace, messa in atto dall’esercito turco nei territori della Siria nord-orientale».

Migranti e Turchia, la Ue pronta a finanziare altri campi profughi per siriani

«I presenti all’incontro - sottolinea l'agenzia vaticana- hanno espresso sentimenti di vicinanza spirituale ai militari coinvolti nell’operazione, e anche ai profughi siriani fuggiti in territorio turco durante il conflitto, esprimendo anche l’auspicio che i rifugiati venuti dalla Siria possano tornare alle proprie case il più rapidamente possibile. I presenti all’incontro hanno anche letto insieme il messaggio ad hoc inviato loro per l’occasione dal Presidente turco Erdogan». 

Come è noto - si legge sempre sull'agenzia vaticana Fides - «uno degli obiettivi dell’offensiva militare in Siria è quello di creare in territorio siriano un’area-cuscinetto dove poi trasferire una parte dei più di tre milioni di rifugiati siriani attualmente espatriati in territorio turco. Appare palese l’intento delle autorità turche volto a ottenere e pubblicizzare l’appoggio all’operazione Sorgente di pace, espresso anche dalle comunità religiose non musulmane presenti in Turchia».

All’iniziativa hanno partecipato, tra gli altri, Korc Kasapoglu, Rappresentante del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli, l’Arcivescovo armeno apostolico Sahak Masalyan, il Segretario del Rabbino Capo della Comunità Ebraica, Francois Yakan e il Mufti di Mardin Ismail Cicek, insieme a inviati delle comunità cristiane sire, assire e caldee. L’iniziativa interreligiosa è stata presieduta da Mor Philoxenus Saliba Ozmen, Metropolita siro ortodosso di Mardin e Diyarbakir

Ultimo aggiornamento: 18:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma