PAPA FRANCESCO

Papa Francesco, ecco cosa ha detto la donna cinese: «Hold hold...» Nuovo video

Sabato 4 Gennaio 2020
7
Schiaffo di Papa Francesco, che cosa avrebbe detto la donna cinese mentre rischiava di far cadere il Pontefice

Una supplica in difesa dei cattolici cinesi? Un appello per i disordini di Hong Kong? Lo schiaffo di Papa Francesco sulle mani della fedele asiatica in piazza San Pietro la sera del 31 dicembre continua a sollevare parecchi interrogativi nonostante le scuse del giorno dopo del Pontefice. Resta, in particolare, il mistero su che cosa abbia urlato la donna al Papa mentre lo tirava per il braccio destro rischiando seriamente di far cadere un uomo di 83 anni con pesanti problemi di deambulazione. Un rebus destinato a durare anche perché nessuno è riuscito finora a rintracciare la protagonista della vicenda più seguita al mondo nei primi giorni dell'anno. 

LEGGI ANCHE: Schiaffo Papa Francesco, l'opinionista in tv: «Avrebbero dovuto strozzare quella donna» 
LEGGI ANCHE: Il meme di Tiberio Timperi: «Papa Francesco ha chiesto scusa, un gesto raro...» 
LEGGI ANCHE: Gli schiaffetti alla fedele invadente, il Papa si scusa: «Ho perso la pazienza»

 

 

Strumentalizzazioni

Fra tutte le ipotesi va tuttavia eliminata quella più cervellotica e dirompente: qualsiasi cosa abbia detto la donna non è stato il significato di quelle parole a far infuriare il Papa - come qualcuno ha cercato contro ogni logica di sostenere per strumentalizzare questo episodio senza precedenti - per il semplice motivo che Francesco fatica a comprendere l'inglese, per non dire del cinese e del chinglish, la versione cantonese dell'inglese con cui sembra si sia espressa la fedele. A causare l'umana reazione del Papa sono stati quindi  il dolore per essere stato strattonato e la paura di perdere l'equilibrio e cadere. E proprio sotto gli occhi della scorta sorpresa e quindi non poco criticata per non aver prevenuto la situazione, per quanto poi sia stato ricordato che il Pontefice ama avvicinarsi alla folla senza preoccuparsi delle possibili conseguenze (non ama invece per questioni igieniche, si è scoperto, il rito del bacio della mano che pure è previsto dal protocollo papale). 

Totalmente infondate quindi le illazioni, uscite già la notte del dicembre, a poche ore quindi dell'accaduto, su profili vicini alla destra ultra tradizionalista della Chiesa (e anti-bergogliana) per sostenere critiche sull'atteggiamento del Vaticano in relazione  alle grandi sofferenze che stanno patendo tanti preti e vescovi cinesi, legati alla Chiesa clandestina, quella che si dovrebbe amalgamare alla Chiesa patriottica (controllata dal governo). Il Vaticano ha firmato due anni fa un accordo ad experimentum per cercare di riunione queste due realtà, sanare un vulnus che dura dai tempi di Mao Tse Tung e avviare il cammino per arrivare alla nomina di vescovi cinesi graditi anche alle autorità del partito comunista.  

La frase

Ma allora che cosa ha  detto quella donna al Papa? Che intenzioni aveva? «Aspetta, aspetta, abbi cura del popolo cinese! Sta perdendo la fede». Ovvero: «Hold, hold, look for the chinese village (termine usato impropriamente al posto di "people"). They are losing  the faith!». Questa è una delle ricostruzioni che circola in rete anche se l'audio è pessimo tanto quanto la pronuncia della donna: nessuna certezza, come fa notare anche il sito bufale.net, anche se alcuni siti cattolici continuano a sostenere che si tratta dell'accorato e sincero appello di una fedele che voleva richiamare l'attenzione del Pontefice sulla difficile situazione dei cattolici in Cina. 

Sul sito cattolico Korazym.org, una delle tante realtà dell'arcipelago cattolico di ultra conservatori, in un lungo articolo firmato da Vik van Brantegem - un addetto della sala stampa vaticana ormai in pensione, conosciuto soprattutto per i suoi modi brutali (più di una volta in passato era stato redarguito dal Vaticano per avere insultato e minacciato diversi giornalisti), si fa notare un particolare molto importante non evidenziato da altri siti. (vedi video di Vatican Media). 

Prima che il Papa si avvicini, «la donna si fa il segno della Croce (ed è l’unica a farlo tra le persone inquadrate ed il suo gesto rivela subito una profondità di fede autentica, diversa da quella dei tanti che in queste occasioni sembrano essere sul posto per poter dire, io c’ero». E ancora: «La donna si segna con la croce per rispetto verso la figura del Papa ed il suo gesto è quasi una supplica. Per quanto riguarda le parole pronunciate dalla donna e della traduzione, circolano delle versioni in rete, ma non ho ancora ottenuto una conferma da fonte inglese/cinese sicura. Invece, è chiaro che la donna volesse tirare il Papa a sé con determinazione e non volesse che scappasse via». Forse per domandare qualcosa di importante. Chissà. Il mistero prosegue. 

Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio, 19:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma