Sanremo, un artista profana la fede, in Vaticano evitano le polemiche ma i parroci chiedono rosari riparatori

Sanremo, un artista profana la fede, in Vaticano evitano le polemiche ma i parroci chiedono rosari riparatori
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Febbraio 2022, 18:36

Città del Vaticano – Davanti alla profanazione del sacramento del battesimo andata in onda ieri sera al festival di Sanremo durante l'esibizione (ovviamente studiata a tavolino) di Achille Lauro, l'Osservatore Romano, in un editoriale, ha spiazzato tutti sottolineando che se quell'artista voleva davvero essere trasgressivo o provocatorio poteva farlo imitando il grande David Bowie quando si inginocchiò recitando il Padre Nostro. «Volendo essere a tutti i costi trasgressivo, il cantante si è rifatto all'immaginario cattolico. Niente di nuovo. Non c'è stato nella storia un messaggio più trasgressivo di quello del Vangelo. Da questo punto di vista difficilmente dimenticheremo la recita del Padre Nostro, in ginocchio, di un grande artista rock come David Bowie. Non ci sono più i trasgressori di una volta« ha scritto il direttore Andrea Monda sul giornale della Santa Sede. «Chiamati in causa da Fiorello alla cui simpatia non si può resistere, eccoci qui a dire la nostra, come richiesto, su Achille Lauro. In punta di piedi. Perché Sanremo è Sanremo. L'Osservatore è L'Osservatore». 

Sanremo 2022 diretta, quasi 11 milioni di spettatori per la prima serata: Amadeus batte se stesso. Share al 54%. Maneskin e Mahmood i più cliccati

Damiano (Maneskin) e le lacrime a Sanremo: «Coraline ha un peso nella mia vita»

I trucchi di Sanremo

Se in Vaticano certi trucchi ai quali ricorrono puntualmente gli organizzatori di Sanremo per promuovere il festival non fanno più presa (cosa non si farebbe per un po' di pubblicità), nel resto dell'Italia ci sono ancora vescovi che gridano all'anatema. 

Per esempio il vescovo di Sanremo che ha gridato subito contro la profazione, la blasfemia, il vilipendio. Monsignor Antonio Suetta ritiene che l'artista sul palcoscenico abbia offeso i credenti. «Un'espediente meschino e privo di fantasia di supplire alla terribile carenza artistica: la musica è quella che è, le parole lasciamo stare; è ovvio che bisogna fare qualche gesto per provocare, diversamente cade nel dimenticatoio».

Indignatissimo anche il cardinale Gianfranco Ravasi, grande sostenitore di Sanremo che si è limitato a un tweet nel quale ha evocato l'importanza del battesimo. Nel drappello degli indignati anche un parroco nel ragusano, padre Salvatore Mallemi, che ai fedeli, dalla sua pagina Facebook ha chiesto rosari a raffica per riparare l'offesa. «In riparazione degli atti blasfemi che in questi giorni si compiono al festival di Sanremo e che sono addirittura pubblicizzati con grave scandalo dei fedeli dalla TV di stato». 

 
Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA