PAPA FRANCESCO

Da oggi a Roma il summit dei preti sposati: pressing sul Papa per l'abolizione del celibato

Venerdì 24 Maggio 2019 di Franca Giansoldati
3
 Città del Vaticano – Con il crollo di vocazioni che da anni affligge l’ Europa e, naturalmente, l’ Italia, una riflessione Papa Francesco – prima o poi - la dovrà fare considerando che già oggi tante parrocchie sono scoperte, non hanno più il parroco. A pochi mesi dal Sinodo sull’Amazzonia che, tra le pieghe affronterà anche la questione dei ‘viri probati’ – l'ordinazione di uomini sposati di una certa età e di provata fede per celebrare in quelle zone ormai senza parroco – l’associazione dei preti sposati Vocatio torna alla carica per fare presente che sono sempre di più coloro che vorrebbero essere reintegrati nella gestione delle parrocchie. Si tratta di migliaia di ex preti che hanno contratto matrimonio negli anni passati e che sarebbero ben disponibili a rientrare nell’effettivo esercizio del ministero ecclesiastico.

Al momento le normative ufficiali non consentono questa possibilità nella Chiesa cattolica di rito latino, anche se le Chiese cattoliche di rito orientale da secoli prevedono, accanto al clero celibe, quello regolarmente coniugato. Nel mondo attualmente ci sono circa 100.000 tra preti e religiosi sposati, e più di 5000 donne, ex suore e consacrate che hanno lasciato la vita consacrata. In Italia sono circa 5000 gli ex preti e ex religiosi e 800 le donne (suore e consacrate) che hanno lasciato la vita consacrata. Di questi circa 1800, sempre in Italia, hanno ricevuto la dispensa, cioè la riduzione allo stato laicale, gli altri (si sono semplicemente allontanati). L’Associazione "Vocatio", dal 1981, si batte per far sentire la voce degli ex preti e conta tra gli aderenti 394 persone. Domani e domenica si terrà a Roma un convegno da parte dell’Associazione per riflettere su questo problema e porre al Papa e ai vescovi la domanda cruciale: «Quando ci ammetterete?»
 
«Un tempo - spiegano a Vocatio - questa richiesta sarebbe stata improponibile. Ma, oggi, per lo sviluppo della teologia sui ministeri, per la crescente scarsità di vocazioni e per il dinamismo impresso alla Chiesa romana dal nuovo vescovo di Roma, la domanda non è più così peregrina».

Se un tempo il tema era stato definitivamente chiuso da Giovanni Paolo II, con Francesco qualche spiraglio si è aperto. Due anni fa il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, in una intervista ad un giornale americano rifletteva sul celibato affermando che non si tratta delle tavole di Mosè. «Il Magistero non è un monolite immutabile, ma un organismo vivente che cresce e si sviluppa. La sua reale identità non cambia, ma si arricchisce. La Chiesa appassirebbe se non si sviluppasse (…) Per esempio, l'insegnamento circa il celibato ecclesiastico, che risale alla tradizione apostolica, ha trovato nel corso della storia differenti modalità espressive nella maggioranza delle Chiese cattoliche orientali, dove gran parte dei preti sono già legittimamente sposati».

Parolin faceva riferimento al fatto che anche in Italia, soprattutto a Piana degli Albanesi, ci sono preti cattolici sposati di rito greco-bizantino. Uno spiraglio ulteriore dovrebbe arrivare a ottobre quando in Vaticano si aprirà il Sinodo sull'Amazzonia, un tema solo apparentemente lontano dalle realtà europee. E' in quest'ambito che dovrebbe essere affrontato l'argomento dei viri probati  e del diaconato femminile.
  Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 11:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma