Padre Hamel, sgozzato da terroristi islamici a Rouen durante la messa: parte il processo in Francia

Padre Hamel, sgozzato da terroristi islamici a Rouen durante la messa: parte il processo in Francia
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Febbraio 2022, 13:00

Città del Vaticano - Nel 2016, nella cittadina francese di Rouen, il parroco molto amato dagli ultimi, Jacques Hamel, veniva sgozzato sull'altare della sua chiesa mentre celebrava la messa, da due estremisti islamici appartenenti al Daesh. Gli avevano tagliato la gola urlando Allah akbar. Mentre per la Chiesa è un "martire"  ed è iniziato il processo per riconoscere il suo martirio alla Congregazione dei Santi, in Francia in questi giorni si è aperto ufficialmente (a Parigi) il processo per l'omicidio dell'anziano parroco di Saint-Etienne-du-Rouvray.

Lione, colpi di fucile contro un prete davanti alla chiesa. Aggressore in fuga, non è escluso terrorismo

Aperta la beatificazione di padre Jacques, ucciso dall'Isis a Rouen l'anno scorso

A sei anni da quell'ignobile attentato che scosse la Francia e l'Europa, il processo costituisce l'opportunita' di comprendere meglio la dinamica dei fatti e le responsabilita' di quanto accaduto. I due giovani assalitori vennero uccisi dalla polizia, ma quattro uomini sono indicati come complici e compariranno alla sbarra per «associazione criminale terrorista».

Si tratta di Jean-Philippe Jean Louis, Farid Khelil e Yassine Sebaihia. Tutti rischiano fino a trent'anni di carcere, mentre il presunto istigatore dell'attentato, Rachid Kassim, probabilmente morto, verra' processato in contumacia. Padre Hamel, 85 anni, venne ucciso il 26 luglio, in condizioni ignobili, alla fine della messa.

Prima di venire ucciso fu costretto ad inginocchiarsi. Le sue ultime parole furono: «Vattene, Satana! Lontano da me, Satana». Poco dopo l'assassinio, Papa Francesco ha voluto aprire il processo di beatificazione, in quanto «martire, e tutti i martiri sono Beati», aveva detto nell'omelia della messa di suffragio celebrata a Casa Santa Marta il 14 settembre 2016, alla presenza dei familiari di padre Hamel e dei pellegrini giunti dalla Normandia insieme al vescovo di Rouen, monsignor Dominique Lebrun. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA