Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'ex vescovo di Parigi silurato dal Papa sulla base di un gossip rompe il silenzio: «un complotto»

Monsignor Michel Aupetit mentre fa un sopralluogo a Notre Dame dopo il devastante incendio
di Franca Giansoldati
4 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Dicembre 2021, 10:39

Città del Vaticano – L'ormai ex arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit silurato da Papa Francesco per un gossip circolato di una presunta love story (inesistente) con una teologa, rompe il silenzio e affida al quotidiano Le Parisien tutta la sua amarezza. Tanto per iniziare mette le cose in chiaro sul fatto che non ha mai avuto alcun legame sentimentale con la teologa belga, Laetitia Calmeyn, professoressa al Collège des Bernardins e vergine consacrata. «Nulla a che vedere con una relazione amorosa o una relazione sessuale. È un’amicizia. A livello personale, spirituale, siamo sulla stessa lunghezza d’anima. È una bella persona, molto più intelligente di me, che mi aiuta molto a riflettere. Laetitia Calmeyn è molto delicata. Trovo spregevole che venga infangata» ha affermato l'arcivescovo reduce, la scorsa settimana, di una messa celebrata  a Saint Sulpice per dire addio alla diocesi più importante della Francia davanti ad una folla enorme di persone sconvolte per l'evolversi dei fatti e per la soluzione iniqua individuata dal pontefice.

Papa Francesco: «Le carezze del vescovo di Parigi alla segretaria? Non sono peccato grave»

Aupetit afferma di essere vittima di un complotto alimentato da alcune «persone»: «delle reti ce l’avevano con me e poi hanno agito. Anche se non ho alcuna prova di ciò. Ho pregato Dio di non instillare amarezza nel mio cuore e ho pregato per coloro che vogliono farmi del male». Replica anche sulle fotografie che lo ritraggono con la teologa subito dopo il suo siluramento vaticano. «Ho deciso di andare a fare una passeggiata per rilassarmi. Laetitia mi ha inviato un SMS per dirmi che aveva appena finito una lezione al Collège des Bernardins. Le ho risposto: “Se vuole, può raggiungermi. Prenda il metrò e la aspetterò al capolinea”. Abbiamo trovato un piccolo bistrot per pranzare e poi siamo andati a fare una passeggiata nella foresta. Che storia! Se non si può più mangiare con un’amica senza che un paparazzo sia lì a fotografarvi, in che mondo si vive?»

Il prelato conferma che ha pronto una azione penale per le calunnie e per la diffamazione, poi nell'intervista spiega di non avere mai mentito a Francesco, il quale ha fatto confusione durante la conferenza stampa tornando dalla Grecia quando ha parlato di carezze e massaggi fatti da Aupetit alla sua segretaria. «Penso che abbia confuso un po’ gli elementi della storia. La mia povera segretaria non ha niente a che fare con tutto questo. Conosco bene suo marito e la sua famiglia. Ho battezzato i suoi nipotini».

Alla domanda se si aspettava che il papa accettasse le dimissioni, Aupetit ha sottolineato. «Se me lo avesse chiesto, avrei attraversato la tempesta. Ne sarei stato capace. Immagino che ha giudicato che la situazione avrebbe potuto indebolire la Diocesi». All'origine del complotto potrebbero esserci state decisioni impopolari prese da Aupetit, come la «sostituzione del Direttore del Lycée Saint-Jean di Passy, o della chiusura del Centro pastorale Saint-Merry, ho sempre agito di concerto con i miei Consigli diocesani. Ma sono io, come vescovo, che devo assumermi la responsabilità, anche a costo di sopportare risentimento». 

Cosa farà adesso? «Non ho un’idea concreta. Continuerò a servire Cristo e i miei fratelli. Sono libero. Tra due settimane andrò a fare una gita in montagna con l’Associazione per l’Amicizia, che mette in contatto giovani professionisti e gente di strada. A quella associazione dovevo trovare una sede, alla fine sono loro che accolgono me».

© RIPRODUZIONE RISERVATA