PAPA FRANCESCO

Papa chiude il Sinodo con un SOS: «Salviamo l'Amazzonia» poi condanna i cattolici farisei

Domenica 27 Ottobre 2019 di Franca Giansoldati
2

Città del Vaticano – Papa Francesco chiude con una solenne messa a San Pietro il Sinodo sull'Amazzonia chiedendo al mondo di impedire il saccheggio continuo della regione e la morte di tanti indios. «Gli errori del passato non son bastati per smettere di saccheggiare gli altri e di infliggere ferite ai nostri fratelli e alla nostra sorella terra: l'abbiamo visto nel volto sfregiato dell'Amazzonia». Il riferimento va al genocidio in atto delle comunità indigene che vivono nell'immensa foresta amazzonica e che rischiano continuamente di morire sotto l'azione criminale di gruppi, spesso illegali, che portano avanti un massiccio piano di deforestazione e di sfruttamento di risorse preziose, oro, platino, petrolio, diamanti contenuti in quelle terre. Il Papa alla messa, ricordando la parabola del fariseo e del pubblicano, invita così i cristiani ad ascoltare un po' di più chi soffre. «Ci fa bene frequentare i poveri». 

La debacle delle donne al Sinodo sull'Amazzonia, per loro solo promesse, retorica e parole vuote

«Quante presunte superiorità, che si tramutano in oppressioni e sfruttamenti, anche oggi! Lo abbiamo visto nel Sinodo quando parlavamo sullo sfruttamento del creato, della gente, degli abitanti dell'Amazzonia, sulla tratta e sul commercio delle persone» ha detto durante l'omelia. 

Il Sinodo salvato dall'idea del Rito Amazzonico, una novità che evita lo scontro. Oggi il voto finale

Francesco ha anche messo in guardia dalla «religione dell'io, di chi si ritiene migliore degli altri», che mette le distanze e alza i muri per aumentarle, dimenticando il prossimo, considerandolo uno scarto. Una religione «ipocrita con i suoi riti e le sue 'preghiere', dimentica del vero culto a Dio, che passa sempre attraverso l'amore del prossimo. Anche cristiani che pregano e vanno a Messa la domenica sono sudditi di questa religione dell'io», ha sottolineato Francesco. Poi a braccio ha aggiunto: «Tanti sono cattolici, si confessano cattolici, si sono dimenticati di essere cristiani, tanti gruppi cristiani e cattolici vanno su questa strada. Quante volte  vediamo questa dinamica in atto nella vita e nella storia!».

Papa: «Chiedo perdono a chi si è sentito offeso dalle Pachamama, statue ripescate dal Tevere»

«Quante volte chi sta davanti, come il fariseo rispetto al pubblicano, innalza muri per aumentare le distanze, rendendo gli altri ancora piu' scarti. Oppure, ritenendoli arretrati e di poco valore, ne disprezza le tradizioni, ne cancella le storie, ne occupa i territori, ne usurpa i beni», ha aggiunto il Pontefice. 

Denuncia choc al sinodo, l'estrazione d'oro in Amazzonia è causa di malformazione ai feti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma