Papa Francesco vede la Raggi e Zingaretti, udienze separate per gli auguri di inizio anno

Papa Francesco vede la Raggi e Zingaretti, udienze separate per gli auguri di inizio anno
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Gennaio 2021, 12:08 - Ultimo aggiornamento: 14:03

Città del Vaticano - Con due differenti udienze Papa Francesco stamattina ha ricevuto prima il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e, subito dopo, la Sindaca di Roma, Virginia Raggi. Si è trattato del consueto appuntamento per lo scambio degli auguri di inizio anno. Lo ha reso noto il Vaticano. Le attività quotidiane del pontefice stamattina sono iniziate con l'incontro riservato ai vescovi portoghesi, seguito poi dalle udienze ai due politici italiani.

Gli appuntamenti

La Raggi è stata collocata al termine della mattinata, ultimo appuntamento in programma, per dare  più tempo al pontefice di parlare con lei senza avere limiti di tabella. Papa Francesco e la sindaca hanno instaurato in questi anni un buon rapporto umano e spesso si sentono al telefono, condividendo informazioni sulla città di Roma.

Nei giorni scorsi la Sindaca è stata in visita alle strutture caritative che sono in funzione nei pressi del colonnato, dove quotidianamente, trovano ospitalità e servizi decine di senzatetto. In particolare la visita si è concentrata sull'ambulatorio di medicina solidale dove un gruppo di medici offre gratuitamente visite specialistiche a chi ne ha bisogno. I pazienti hanno anche la possibilità di avere medicinali gratuiti da ritirare alla farmacia vaticana. Si tratta di una struttura che viene utilizzata sempre più da italiani in difficoltà per via della crisi e non solo da stranieri o clochard. Nell'ambulatorio vengono effettuati anche tamponi. 

Zingaretti ha voluto portare un dono speciale della Regione al Papa: pasti e pacchi alimentari che saranno successivamente distribuiti dal Centro Astalli, la sede del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati che da anni si occupa dei diritti di chi giunge in Italia perche' in fuga da guerre e violenze. Il governatore del Lazio in una nota ha spiegato che nel corso dell'incontro il Papa si è fatto interprete di un monito "nei confronti della politica affinche' le persone, e soprattutto gli ultimi, non vengano lasciati soli in questa lunga notte della pandemia"

© RIPRODUZIONE RISERVATA