Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Papa Francesco è l'editore di un nuovo giornale dedicato ai barboni che popolano San Pietro, si chiama L'Osservatore di Strada

Papa Francesco è l'editore di un nuovo giornale dedicato ai barboni che popolano San Pietro, si chiama L'Osservatore di Strada
2 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 15:07

Città del Vaticano – Papa Francesco ha dato vita al giornale dei poveri e dei barboni. Si chiamerà L'Osservatore di Strada e nasce da una costola dell'Osservatore Romano per dare voce ai senzatetto che bivaccano sotto il Colonnato di San Pietro e fare conoscere all'opinione pubblica la loro condizione di emarginati ed esclusi. Il primo numero in distribuzione da domani, festa dei santi Pietro e Paolo, pubblica in prima pagina il contributo di Luigi, un emarginato che racconta dei guai che si incontrano la notte. Il costo del mensile non è stato definito nel dettaglio, perché serve per raccogliere offerte libere da destinare al popolo degli ultimi. 

La prima domenica del mese verrà pubblicato anche online mentre la copia cartacea verrà venduta ai turisti e alle persone che andranno a sentire gli Angelus del Papa la domenica. 

Il nuovo giornale ha 12 pagine. In copertina, un campeggia il titolo: Un editoriale di strada per  introdurre  al tema della strada. L'articolo porta la firma dello scrittore Daniele Mencarelli. Un particolare spazio viene dato ogni mese alla voce dei migranti, che potranno raccontare le loro storie. Nelle pagine centrali un'ampia antologia delle parole e dei gesti di Papa Francesco. Due intere pagine sono riservate ai "canti dalle periferie",  con racconti, poesie, disegni realizzati da persone assistite da associazioni e gruppi ecclesiali o semplicemente incontrate per strada. A chiudere una vignetta dello street artist romano Maupal. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA