Papa Francesco stamattina ha fatto colazione, ha camminato (poco) e ha letto alcuni giornali

Papa Francesco stamattina ha fatto colazione, ha camminato (poco) e ha letto alcuni giornali
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Luglio 2021, 12:20 - Ultimo aggiornamento: 12:21

La seconda notte in ospedale di Papa Francesco è proseguita tranquilla, con un decorso normale. Il Vaticano ha diffuso un bollettino più che rassicurante affermando che ha riposato bene, il che significa che i postumi dell'intervento non hanno creato complicazioni di sorta e il dolore, di conseguenza, è sopportabile. «Questa mattina ha fatto colazione, ha letto alcuni quotidiani e si è alzato per camminare. Il decorso post operatorio è regolare e gli esami di routine sono buoni»si legge ancora nel testo. 

Papa Francesco, come sta dopo l'intervento: «Rimarrà in ospedale 7 giorni»

Tra i quotidiani che il Papa ha voluto sfogliare non dovrebbe essere mancato il Messaggero, il giornale romano che legge ogni mattina e al quale ha reso l'onore di una visita nella storica sede di via del Tritone nel dicembre di quattro anni fa, mentre rientrava dalla preghiera mariana dell'Immacolata a piazza di Spagna. 

Tra le sue letture quotidiane non manca ovviamente l'Osservatore Romano che lui chiama “il giornale del partito” e che la scorsa settimana ha festeggiato 160 anni. 

Papa Francesco operato per tre ore al colon: «Ha reagito bene». Laparoscopia, poi intervento “a cielo aperto”

La degenza del Papa al Gemelli durerà all'incirca sette giorni, "salvo complicazioni". Lo accompagnano in questi giorni le preghiere spontanee degli altri pazienti ricoverati nei vari reparti ma anche le catene partite da ogni parte del mondo, in una specie di tam tam sui social che ha incluso parrocchie, gruppi scout, associazioni di volontariato.

 

Il network dei Papaboys, per esempio, ha fatto partire una sorta di adunata virtuale alla quale hanno aderito diversi paesi. E per domenica prossima, l'appello è a essere "presenti all'Angelus al Gemelli come fu fatto con Giovanni Paolo II". "Preghiamo per il Papa, Lui lo chiede ogni domenica, oggi possiamo rispondere con la presenza spirituale. E' bello pensare, ancora una volta, dopo questo difficile tempo di pandemia, che tutta la cristianita' si riunisce nella preghiera incessante intorno a Pietro", l'invito dei Papaboys.

© RIPRODUZIONE RISERVATA