Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, Papa Francesco: «Rispettate le misure dei governi» ma i vescovi francesi non ci stanno

Covid, Papa Francesco: «rispettate le misure dei governi» ma i vescovi francesi non ci stanno
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Novembre 2020, 11:58

Città del Vaticano – Richiamo di Papa Francesco ai cattolici di tutto il mondo affinchè ascoltino e seguano le regole stabilite dalle autorità di governo per contrastare il dilagare dei contagi di Covid. Una esortazine che arriva proprio mentre i vescovi francesi e quelli inglesi si stanno mobilitando per protestare contro la decisione delle autorità nazionali che stanno imponendo la chiusura delle chiese. I vescovi francesi, in particolare, hanno persino annunciato di voler fare ricorso al Consiglio di Stato. Una mossa di rottura che non era mai stata registrata in passato.

Covid, il cardinale Bassetti si aggrava e parte la richiesta di preghiere a tutti i monasteri italiani

La raccomandazione papale a non andare contro le misure governative è stata inserita nella udienza generale odierna, tornata a svolgersi in biblioteca senza fedeli, proprio al fine di evitare i contagi. Durante l'ultima udienza, la scorsa settimana, nell'Aula Paolo VI, il Papa si era limitato a salutare da lontano la folla che si trovava nell'Aula Paolo VI, senza passare ad abbracciare e stringere mani. La scoperta di un fedele risultato positivo al Covid ha di nuovo costretto a ritornare alla formula della udienza in biblioteca trasmessa via streaming, adottata durante il lockdown. 

Papa Francesco affida al cardinale Tomasi il futuro dell'Ordine di Malta: rivolta per spostare le elezioni

Papa Francesco in lockdown, udienze generali di nuovo senza gente per un fedele positivo mercoledì

«Purtroppo siamo dovuti tornare a questa udienza in Biblioteca, e questo per difenderci dai contagi del Covid» ha spiegato papa Francesco. «Questo ci insegna pure - ha proseguito - che dobbiamo essere molto attenti alle prescrizioni delle autorita', siano esse autorita' politiche o sanitarie, per difenderci da questa pandemia».

Il distanziamento sociale resta un obbligo da far valere come misura essenziale. «Offriamo al Signore questa distanza fra noi per il bene di tutti e pensiamo: pensiamo tanto agli ammalati, a coloro che entrano gia' come 'scarto', e pensiamo ai medici, agli infermieri, alle infermiere, ai volontari, a tanta gente che lavora con gli ammalati in questo momento, che rischiano la vita, ma lo fanno per amore. La loro vocazione e' l'amore del prossimo - ha concluso -. Preghiamo per loro».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA