CORONAVIRUS

Papa Francesco riprende l'Angelus affacciato dalla finestra con i fedeli in piazza (distanziati)

Martedì 26 Maggio 2020 di Franca Giansoldati
Papa Francesco riprende l'Angelus affacciato dalla finestra con i fedeli in piazza (distanziati)

Città del Vaticano - L'avvio della Fase 2 per Papa Francesco sarà lenta. Tutta colpa del rischio di assembramenti di gente anche se già da questa domenica si affaccerà dalla finestra del suo studio per la recita del Regina Coeli e in piazza ci sarà un limitato numero di pellegrini distanziati gli uni dagli altri per evitare il rischio dei contagi. Già domenica scorsa è stato fatto una sorta di test che si è svolto correttamente e senza alcun problema. Di ripresa però delle udienze papali, sia in aula Paolo VI che in piazza, al momento non sembra ancora una ipotesi praticabile. I rischi dell'afflusso e del deflusso delle persone sono evidenti a tutti. 

Domenica prossima, inoltre, alle ore 10 Francesco celebrerà la tradizionale messa a San Pietro nel giorno di Pentecoste, ma anche questa volta non è prevista la presenza dei fedeli. La celebrazione è stata fissata nella cappella Santissimo Sacramento nella basilica vaticana.

Per quest'anno è possibile che tutti i viaggi siano rimandati all'anno prossimo. Già per il mese di maggio sono saltate le visite ad Acerra, nella Terra dei Fuochi e a Malta, dove il Papa avrebbe dovuto andare alla fine del mese. 

Il primo giugno invece, riaprono i Musei Vaticani con numeri contingentati di turisti. Verranno accettati gruppi di 10 persone al massimo da scaglionare e gestire nei percorsi di visita interni. Gli ingressi dei Musei sono stati dotati di scanner per misurare la temperatura alle persone non appena si avvicinano ai metal detector per i controlli di routine alle borse o agli zaini. E' stata aumentata la vigilanza dei custodi per controllare il rispetto delle misure sociali. Anche nella Cappella Sistina si entrerà sotto una stretta vigilanza, al fine di evitare assembramenti potenzialmente pericolosi per la trasmissione del Covid-19.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani