Papa Francesco chiede più aiuti per le famiglie italiane: «Inverno demografico bruttissimo»

Bergoglio ha ricevuto il Forum delle Famiglie, diretto da Gigi de Palo

Papa Francesco chiede più aiuti per le famiglie italiane: «Inverno demografico bruttissimo»
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Dicembre 2022, 13:51

Città del Vaticano – «Noi qui, in Italia, siamo in un brutto inverno demografico. Bruttissimo». Papa Francesco chiede più aiuti per le famiglie, ricorda che la denatalità è un problema dal quale dipenderà il futuro della Nazione e invia messaggi al mondo della politica: «Le famiglie non siano sfruttate e penalizzate», ha ammonito ricevendo in udienza il Forum delle Famiglie, diretto da Gigi de Palo, tra i promotori, alcuni anni fa, di una rete politico-istituzionale per tenere alta l'attenzione sulla questione delle culle vuote. 

PNRR, Pichetto Fratin: inflazione pesa su progetti

Nel corso dell'incontro ha ricordato che si tratta di «un contributo al bene comune del Paese, perché le famiglie siano promosse e sostenute. Questa - ha spiegato - è l'unica strada per arrivare a un'inversione di tendenza del tasso di natalità. Il tema è ormai emerso in primo piano nelle agende politiche. Ma si tratta di passare dalle parole ai fatti; e poi di passare dai palliativi a una terapia vera ed efficace. E voi, giustamente, non volete limitarvi a denunciare il problema. Sarebbe troppo facile e troppo comodo». 

Il pacchetto per le famiglie quest'annopesa quasi due miliardi di euro. Nella legge di Bilancio ci sono diverse misure improntate al sostegno delle famiglie già dal 2023. Vengono introdotti nuovi bonus e fondi, ma sono anche rafforzati altri provvedimenti già a regime come l'assegno unico. A partire dal congedo parentale e per finire con il bonus centri estivi, la prima manovra Meloni stanzia un'ampia fetta dei fondi a disposizione – decimati dalla spesa per l'emergenza energetica – al sostegno alle famiglie.

Il congedo parentale viene aumentato di un mese, ma solamente per le madri, con una retribuzione dell'80% anziché del 30%. Per i neopapà, invece, si resta ad appena dieci giorni, con retribuzione piena. Cambia anche l'assegno unico universale: più 50% nel primo anno di vita del bambino, più 50% per le famiglie in cui ci sono tre o più figli, cento euro in più per i genitori di gemelli per i primi tre anni di vita. Queste, in sostanza, sono le tre grandi differenze – che avranno un impatto non da poco, a livello economico – sullo strumento unico di sostegno alle famiglie.

PNRR, Gentiloni: Va interpretato come missione nazionale

Al Forum delle Famiglie è stato rivolto dal Papa un invito, quasi un compito, a vigilare sul lavoro delle istituzioni ma «non – come spesso avviene – per criticare l’operato degli avversari politici, ma in atteggiamento costruttivo, facendo proposte realistiche e documentate, offrendo la consulenza di esperti al di sopra delle parti. Questo è un servizio che può fare una realtà come la vostra, che cerca di pensare e agire politicamente “al di qua” degli schieramenti partitici». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA