MIGRANTI

Papa Francesco va in soccorso di Malta, l'isola dell'assassinio di Daphne Caruana e dell'accordo flop sui migranti

Lunedì 10 Febbraio 2020 di Franca Giansoldati
1

Città del Vaticano – Papa Francesco andrà a Malta il 31 maggio. Al centro di questa breve visita che durerà lo spazio di una giornata, un po' come quella a Lampedusa nel 2013, c'è il grande tema dei migranti, anche se Malta in questi anni non ha mai brillato per avere una politica di grande accoglienza nonostante il recente accordo siglato sulla distribuzione dei migranti in Europa a cui hanno aderito Lussemburgo, Portogallo, Irlanda, Francia, Malta, Italia e Germania il cosiddetto gruppo di «volenterosi», sette Stati su 28. Una specie di flop. 

Il viaggio di Papa Francesco è stato fortemente sollecitato dalle autorità maltesi recentemente sotto i riflettori di tutto il mondo per il terribile caso di Daphne Caruana Galizia, la giornalista uccisa tre anni fa da una autobomba mentre stava indagando sui traffici finanziari legati alle alte sfere della politica dell'isola e al riciclaggio di denaro.

Papa Francesco incontra la donna che aveva schiaffeggiato per uno strattone

Appello del Papa alle piattaforme social: vigilate perché la tratta delle schiave inizia proprio da lì

La visita del Pontefice servirà a migliorare un po' l'immagine internazionale di Malta. Recentemente una missione del Parlamento europeo a Malta evocava «seri rischi per il rispetto dello stato di diritto» tanto che la presidentessa della Commissione Ue Ursula von der Leyen si era «preoccupata dai recenti sviluppi».

A dare l'annuncio del viaggio del Papa è stato l'arcivescovo maltese Charles Scicluna, uno dei più stretti collaboratori di Francesco contro la pedofilia tra il clero. «Malta da sempre offre rifugio ai migranti che approdano sulle sue coste» ha detto facendo riferimento al naufragio di San Paolo, narrato nelle scritture. In un comunicato il primo ministro Robert Abela ha accolto con gioia la notizia sottolineando che aiuterà sicuramente ad alimentare il senso di unità nazionale. «Sostenendo il nostro prossimo, la tolleranza e i diritti civili: sono tutti temi assai vicini al cuore di Papa Francesco. E sono anche valori in cui il nostro governo crede» ha detto Abela. 

Quella di Francesco sarà la quarta visita di un Papa a La Valletta. Giovanni Paolo II visitò Malta due volte, nel 1990 e nel 2001 quando beatificò tre maltesi. Benedetto XVI la visitò nel 2010. 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 22:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi