Dialogo con l'Islam, in Ghana un Imam centenario ha finanziato la costruzione di una chiesa cattolica

Dialogo con l'Islam, in Ghana un Imam centenario ha finanziato la costruzione di una chiesa cattolica
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Settembre 2021, 11:44

Casi simili si contano sulle dita di una mano e fanno ben sperare: raccontano di autorità islamiche che finanziano di tasca propria la costruzione di chiese cristiane. Recentemente sono iniziati i lavori di ricostruzione della chiesa di San Tommaso a Mosul, devastata – ma non completamente distrutta – dai jihadisti dell’auto-proclamato Stato Islamico. A sostenere l’opera di restauro è l’Unesco, grazie a un cospicuo finanziamento fornito dagli Emirati Arabi Uniti. Anche in Africa avanzano (rari) progetti simili.

In Ghana il leader della comunità musulmana, lo sceicco Osman Sharubutu, ha contribuito con 8.000 dollari alla costruzione della controversa cattedrale inter-religiosa di Accra. L'anziano sceicco leader della comunità musulmana (pari al 18% ) in un paese dove il dialogo interreligioso è qualcosa che funziona realmente, ha donato 8.000 dollari (6.750 euro) per la costruzione dell'edificio. I lavori per questo luogo di culto da 5.000 posti sono iniziati il 6 marzo 2020, il 63° anniversario dell'indipendenza del Ghana. Secondo i programmi dovrebbero finire nel 2024.

La costruzione ha dato origine però a molte polemiche soprattutto perchè l'edificio si presenta costoso e stride con la maggioranza dei ghanesi che vive nella povertà. Lo sceicco Osman Sharubutu, che sostiene questo progetto, è anche membro del Consiglio Nazionale della Pace. Per il suo centesimo compleanno nel 2019, ha partecipato a una messa nella chiesa cattolica di Cristo Re ad Accra. Secondo le persone a lui vicine, ha rilevato la Croix, uno degli obiettivi di questo imam è di cambiare il modo in cui la gente guarda all'Islam. Il patriarca sostiene la solidarietà e vive ancora in un quartiere povero di Accra, Fadama, dove offre acqua e pasti ai residenti locali.



 

© RIPRODUZIONE RISERVATA