Lo Ior presenta il bilancio, calano ancora gli utili che ammontano a 17,1 milioni di euro

Martedì 11 Giugno 2019 di Franca Giansoldati
2
Lo Ior presenta il bilancio, calano ancora gli utili che ammontano a 17,1 milioni di euro

Città del Vaticano – Cala ancora l’utile dello Ior, l’Istituto di Opere di Religione. Se nel 2016 è stato di 36 milioni, e nel 2017 di 31,9 milioni, il risultato dell’anno scorso è stato pari a 17,5 milioni di euro. Nel bilancio presentato ieri, il Vaticano offre alcune riflessioni a sostegno di queste cifre, come «la forte turbolenza dei mercati nel corso dell’anno e la persistenza di tassi d’interesse ancora molto bassi».

Bufera sul documento del Papa sul gender: «Scatenerà discriminazioni verso gay e Lgbt»

Papa Francesco, l'Arcivescovo Viganò torna a farsi sentire e gli dà del bugiardo
 

In particolare, nel 2018 l’Istituto ha servito 14.953 clienti rappresentativi di 5 miliardi di euro di risorse finanziarie (5,3 miliardi nel 2017), di cui 3,2 miliardi relativi a risparmio gestito e in custodia. E’ anche proseguito il processo di ottimizzazione dei costi, ridotti a 16 milioni di euro (18,7 milioni nel 2017). Di fatto al 31 dicembre 2018 il patrimonio, al netto della distribuzione degli utili, è stato pari a 637 milioni di euro, corrispondente a un Tier 1 ratio del 86,4 per cento, (68,3 per cento nel 2017), a testimonianza della sua elevata solvibilità e del suo profilo di basso rischio.

Il bilancio è stato sottoposto a revisione contabile dalla società di revisione indipendente Deloitte & Touche S.p.A. Il 16 aprile scorso il consiglio di sovrintendenza dell’Istituto aveva approvato all’unanimità il bilancio dell’esercizio 2018, proponendo alla commissione cardinalizia la distribuzione integrale degli utili realizzati.

Lo Ior afferma di avere avviato uno screening per la selezione delle attività finanziarie in cui realizzare investimenti coerenti con l’etica cattolica, selezionando esclusivamente imprese che svolgono attività conformi alla Dottrina sociale della Chiesa e continuando a realizzare investimenti tesi a favorire lo sviluppo dei paesi più poveri, nel rispetto di scelte coerenti con la realizzazione di un futuro sostenibile per le generazioni future.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma