Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia, la chiesa ortodossa olandese si scinde da Mosca: «Impossibile restare nel Patriarcato»

L'ultimo scossone è avvenuto in Olanda tra il clero della Chiesa ortodossa russa di Amsterdam

Russia, la chiesa ortodossa olandese si scinde da Mosca: «Impossibile restare nel Patriarcato»
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Domenica 13 Marzo 2022, 11:37 - Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 17:04

Città del Vaticano – L'aver annunciato urbi et orbi l'appoggio a Putin giustificando così una guerra utile (anche) a frenare la decadenza occidentale nei costumi e nella morale, sta causando al Patriarca di Mosca Kirill smottamenti a catena e movimenti scismatici nel mondo ortodosso. L'ultimo scossone è avvenuto in Olanda tra il clero della Chiesa ortodossa russa di Amsterdam. In una dichiarazione pubblicata sul sito web quattro preti ortodossi olandesi hanno annunciato che «all'unanimità per loro non è più possibile restare all'interno del Patriarcato di Mosca e fornire un ambiente spiritualmente sicuro per gli stessi fedeli». Il verdetto firmato dai quattro sacerdoti di San Nicola di Myra - ad Amsterdam - è stato drammatico e di certo non facile. «Lo abbiamo preso con il cuore gonfio».

Ucraina, il Patriarca Kirill: «Nell'Occidente si sta diffondendo la russofobia, la guerra è colpa della Nato»

Inoltre hanno chiesto all'arcivescovo Elisey, della Chiesa ortodossa russa all'Aja, di concedere loro l'uscita canonica per unirsi alla Chiesa ortodossa di Costantinopoli. Praticamente l'anticipo di un mini scisma. Prima di arrivare a questo, per protestare contro le posizioni di Kirill sia sulla guerra in Ucraina e sia per aver dipinto un Occidente corrotto e in mano alle forze del male e alla lobby gay, avevano annunciato che non avrebbero più menzionato il nome del patriarca Kirill nella loro liturgia.

 

Le reazioni

Una mossa che ha fatto immediatamente reagire il vescovo ortodosso Elisey, il quale aveva avvertito i quattro preti ribelli di stare attenti, di tornare sui loro passi, perchè il Patriarcato di Mosca li stava osservando da vicino. Praticamente una minaccia velata. La reazione successiva è stata la pubblicazione del comunicato sul sito web nel quale i preti annunciano di volersi distaccare. La posizione filo putiniana di Kirill, notoriamente legato a doppio filo alla politica nazionalista del Cremlino, sta causando un movimento carsico piuttosto vasto di separatisti ortodossi. Anche in Ucraina ci sono stati preti ortodissi che all'inizio della invasione hanno palesato la loro difficoltà umana e spirituale a restare all'interno di una struttura orientata a benedire Putin. 

Da Milla Jovovich ad Anastasia Kuzmina: il terrore delle star per i parenti in Ucraina: «Preferiscono morire che arrendersi»

Anche il metropolita di Parigi, Jean de Doubna, che dirige circa 60 parrocchie di tradizione russa, ha espresso il suo sostegno all'Ucraina in una lettera aperta drammatica e fortissima, pubblicata mercoledì. Egli si faceva portavoce di un accorato appello a Kirill, affinchè intervisse sul presidente Putin a fermare il  bagno di sangue. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA