Giorgia Meloni e la citazione errata di San Francesco, ma nello stesso errore cadde il cardinale Ravasi

Giorgia Meloni e la citazione errata di San Francesco, ma nello stesso errore cadde il cardinale Ravasi
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Settembre 2022, 11:34 - Ultimo aggiornamento: 15:20

Città del Vaticano – L'ultima citazione errata di San Francesco, una delle tante che circolano sul web, ha tratto in inganno anche Giorgia Meloni che ha attribuito al patrono d'Italia una frase che non ha mai pronunciato nella sua vita religiosa. In chiusura alla campagna elettorale, in un discorso, la futura premier ha riferito della bella riflessione che da anni viene appioppata al santo di Assisi. «Tu comincia a fare quello che è necessario, poi quello che è possibile. Alla fine, ti scoprirai a fare l'impossibile».

Come ha fatto notare fra Andrea Vaona, professore di storia ecclesiastica, sono in tanti a fidarsi troppo del web e delle false citazioni. Il religioso ha postato su Twitter la 'rettifica'. L'ultima persona a cadere nel tranello delle frasi che circolano veicolate da vari blog ma non veritiene nella loro radice originaria, è stata la Meloni che però si trova in buona compagnia.

Tra coloro che si sono caduti nella trappola senza verificare le fonti francescane in passato c'è stato addirittura anche il cardinale Gianfranco Ravasi, ex prefetto del pontificio consiglio della Cultura, da poco andato in pensione e sostituito eri dal cardinale portoghese Josè Tolentino da Mendoza. Sempre su Twitter nel 2013 aveva postato la frase sbagliata come ha fatto notare il sito para vaticano Il Sismografo.

 Nel frattempo sui social è scoppiata la polemica e c'è persino chi se l'è presa con il frate che per primo ha fatto notare l'errore della futura premier. Chi ha rilanciato la correzione del frate è stato uno degli spin doctor di Papa Francesco, Lucio Brunelli, già vaticanista del Tg2 e direttore di Tv2000, attento osservatore di quello che accade a Santa Marta. In un tweet ha rilevato con eleganza la ricerca fatta da padre Vaona, accludendo anche un link per andare a verificare. Nel frattempo la polemica ha preso il largo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA