Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Germania, una donna guida la commissione sui risarcimenti alle vittime della pedofilia

Germania, una donna guida la commissione sui risarcimenti alle vittime della pedofilia
di Franca Giansoldati
2 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Gennaio 2021, 19:14

Città del Vaticano - In Germania non solo le vittime delle pedofilia hanno la possibilità di velocizzare la pratiche con appositi moduli on line, ma la Commissione indipendente per le indennità di riconoscimento (UKA), istituita dalla Conferenza episcopale ha stabilito che i risarcimenti siano riconosciuti in tempi brevissimi. L'annuncio sulla necessità di rendere tutto fluido per andare incontro alle vittime è stato fatto in questi giorni.
 
Riferendo i risultati della prima riunione dell'organismo (che ha avuto luogo in videoconferenza per via del covid), l'agenzia cattolica Kna, ha informato che è stata eletta come presidente la giurista Margarete Reske - ex giudice capo della Corte Regionale Superiore di Colonia ed Ernst Hauck, ex presidente del Primo Senato della Corte federale, come vicepresidente.
 

La commissione indipendente è composta da sette esperti di diritto, medicina e psicologia con il compito di decidere sui pagamenti alle vittime di abusi. I membri non hanno alcun rapporto di lavoro con la Chiesa cattolica e svolgono il loro lavoro in modo totalmente indipendente.
 
L'organismo è stato istituito in relazione alle nuove procedure che sono entrate in vigore all'inizio dell'anno. I vescovi cattolici hanno accettato di fornire pagamenti extragiudiziali fino a 50.000 euro nei casi più gravi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA