Fine vita, vescovi all'attacco: «Garantire ai medici l'obiezione»

Fine vita, vescovi all'attacco: «Garantire ai medici l'obiezione»
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Settembre 2019, 14:49 - Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 07:30

Città del Vaticano - I vescovi incassano il pronunciamento della Consulta come una sonora sconfitta. «Non comprendo come si possa parlare di liberta', qui si creano i presupposti per una cultura della morte in cui la societa' perde il lume della ragione» ha detto il segretario generale, monsignor Stefano Russo, commentando la decisione sul suicidio assistito.

LEGGI ANCHE Fine vita, malato di Sla scrive al Papa: «Talvolta morire è l'unica scelta»
LEGGI ANCHE Suicidio assistito, sì della Consulta. I medici: «Serve un pubblico ufficiale»

«Il medico esiste per curare le vite, non per interromperle» ha aggiunto ricordando che esiste l'obiezione di coscienza per i medici. «E' chiaro che chiediamo per i medici l'obiezione di coscienza».
 


Monsignor Russo non fa però menzione al fatto che fino a qualche mese fa la Cei ha evitato di prendere posizione e sollecitare una legge, sostenendo così la battaglia politica di quei parlamentari cattolici che nel frattempo cercavano sponde in parlamento. Solo a giugno le acque hanno cominciato a smuoversi un po' quando un gruppo di parlamentari cattolici ha mandato una durissima lettera al cardinale Bassetti per chiedere ai vescovi di uscire allo scoperto e fare fronte comune con manifestazioni pubbliche e appelli diffusi. A sollecitare la Cei ad uscire dal cono d'ombra era stato anche il cardinale Pietro Parolin. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA