PAPA FRANCESCO

Papa Francesco a Loreto: «Bisogna difendere la famiglia formata da uomo e donna»

Lunedì 25 Marzo 2019 di Franca Giansoldati
1
Papa Francesco a Loreto: «Bisogna difendere la famiglia formata da uomo e donna»
Loreto – Papa Francesco si fa umile pellegrino a Loreto e dalla Casa di Maria (che secondo la tradizione proviene da Nazareth trasportata nelle Marche da una schiera di angeli) lancia un appello per la difesa della famiglia, intesa come unione tra un «uomo e una donna». A pochi giorni dalla manifestazione di Verona le parole del pontefice assumono una rilevanza specifica e sembrano quasi voler depotenziare le accuse strumentali che il mondo cattolico vicino alla Lega muove contro il Vaticano per avere promosso aperture pastorali alle coppie arcobaleno facendo emergere così spaccature nel Magistero. Il discorso del Papa a Loreto vuole ripristinare una gerarchia. «Nella delicata situazione del mondo odierno, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna assume un’importanza e una missione essenziali. È necessario riscoprire il disegno tracciato da Dio per la famiglia, per ribadirne la grandezza e l’insostituibilità a servizio della vita e della società».

Il Papa ricorda che nella casa di Nazaret, Maria ha vissuto la molteplicità delle relazioni familiari come figlia, fidanzata, sposa e madre. “Per questo ogni famiglia, nelle sue diverse componenti, trova qui accoglienza, ispirazione a vivere la propria identità. L’esperienza domestica della Vergine Santa sta ad indicare che famiglia e giovani non possono essere due settori paralleli della pastorale delle nostre comunità, ma devono camminare strettamene uniti, perché molto spesso i giovani sono ciò che una famiglia ha dato loro nel periodo della crescita. Questa prospettiva ricompone in unitarietà una pastorale vocazionale attenta ad esprimere il volto di Gesù nei suoi molteplici aspetti, come sacerdote, come sposo, come pastore».

Il Papa esalta il ruolo prezioso della famiglia nella società. «Rappresenta la prima cura del malato nell’amarlo, sostenerlo, incoraggiarlo e prendersene cura. Ecco perché il santuario della Santa Casa è simbolo di ogni casa accogliente e santuario degli ammalati. Da qui invio ad essi, tutti, ovunque nel mondo, un pensiero affettuoso e dico loro: voi siete al centro dell’opera di Cristo, perché condividete e portate in maniera più concreta dietro a Lui la croce di ogni giorno».

Durante il volo in elicottero che lo ha condotto da Roma a Loreto, Papa Francesco ha trovato il modo di far sentire la sua presenza e la sua vicinanza alle popolazioni colpite dal terremoto nelle zone interne delle Marche. Alle 8.45 l'elicottero si è abbassato sulla cittadina di Amandola (Fermo) e ha sorvolato a bassissima quota il campo sportivo, dove in sua attesa si erano radunati centinaia di residenti e gli alunni delle scuole che sventolavano bandierine bianche e gialle, i colori del Vaticano. Il Papa ha salutato i presenti dal finestrino dell'elicottero, mentre sul terreno del campo sportivo i bambini erano disposti per formare la scritta «Ciao».  Ultimo aggiornamento: 13:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma