Emanuela Orlandi, il perito: «Stanza in cemento sotto la tomba non compatibile con sepoltura '800»

Giovedì 11 Luglio 2019

Sotto una delle due tombe «c'era una sorta di stanza e siamo scesi insieme al dottor Portera per andare a fare delle verifiche». Lo hanno fatto sapere l'avvocato Laura Sgrò, legale della famiglia di Emanuela Orlandi e il perito di parte Giorgio Portera al termine delle operazioni di apertura delle due tombe nel cimitero Teutonico.

Emanuela Orlandi, le tombe sono vuote. La famiglia: «Niente ossa o sepolture, incredibile»
 

«C'è una stanza con una struttura in cemento armato e abbastanza recente - ha spiegato il perito - assolutamente non compatibile con una sepoltura dell'Ottocento: questo è un dato oggettivo. Pur essendo in un altro Stato mi sembra strano che non vi sia qualche documento che ci dica se lì c'era un corpo o se si trattava di una sepoltura in ricordo della principessa. Ci deve essere un documento o un incartamento ed è doveroso che venga condiviso anche con la famiglia Orlandi. Se non ci sono le bare è difficile dire se sia stato traslato qualcosa». «Ora è importante verificare dal punto di vista burocratico se è nella conoscenza dello Stato del Vaticano la presenza o meno di corpi all'interno di questi sarcofagi», ha detto il perito.

Ultimo aggiornamento: 13:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma