Desmond Tutu, acquamazione per limitare la CO2. L'arcivescovo ambientalista fino all'ultimo

Desmond Tutu, acquamazione per limitare la CO2. L'arcivescovo ambientalista fino all'ultimo
3 Minuti di Lettura
Sabato 1 Gennaio 2022, 20:24

Roma - Il defunto arcivescovo anglicano Desmond Tutu, premio nobel per la pace e ambientalista della prima ora (già agli inizi degli anni Novanta), nelle sue disposizioni testamentarie ha chiesto di essere liquefatto e non cremato per non incidere troppo sull'ambiente e sull'impatto climatico. L'eco-guerriero che metteva in guardia dai rischi di una deriva apocalittica per la grande quantità di gas scaricati nella atmosfera, ha scelto un modo eco-compatibile per smaltire i suoi resti mortali indicando di ricorrere all'acquamazione.

 

Acquamazione, cosa è 

Nel testamento oltre ad precisare di non volere bare costose, funerali pomposi, spese superflue, corone di fiori elaborate ha optato per la nuova pratica funeraria ormai introdotta nei paesi anglosassoni. In pratica il corpo viene 'sciolto' in una soluzione di idrossido di potassio ad una temperatura di 93 gradi centigradi con un processo chiamato idrolisi alcalina che dura 3-4 ore. Al termine rimangono le ossa, che vengono ridotte in polvere e consegnate ai parenti del defunto all'interno di un'urna, ed il liquido risultante dallo scioglimento dei tessuti. Il processo e' considerato piu' ecologico della cremazione perché consuma meno energia e non produce emissioni. 

L'acquamazione, che usa l'acqua, è presentata come un'alternativa alla cremazione, che usa il fuoco. Gli esperti affermano che riduce la quantità di anidride carbonica dannosa fino al 90%. Il nome tecnico del processo è idrolisi alcalina che dissolve il tessuto del corpo, lasciando solo le ossa che vengono poi risciacquate, asciugate e polverizzate in una polvere grossolana usando una macchina chiamata cremulatore. Una volta completati tutti questi passaggi, i resti possono essere sepolti o dispersi secondo i desideri del defunto, proprio come accadrebbe in una cremazione ordinaria.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA