PAPA FRANCESCO

Muore il cardinale della Mafia di San Gallo, l'ultra progressista Danneels

Giovedì 14 Marzo 2019 di Franca Giansoldati
Muore il cardinale della Mafia di San Gallo, l'ultra progressista Danneels
Città del Vaticano – Si è spento il cardinale belga, Gottfried Danneels, punto di riferimento della corrente più progressista della Chiesa in Europa e da anni indicato come uno dei maggiori supporter delle innovazioni del pontificato di Papa Francesco. Secondo diversi osservatori l’elezione di Papa Bergoglio, nel 2013, sarebbe stata favorita e preparata da una serie di riunioni segrete che cardinali e vescovi, organizzati dal defunto Carlo Maria Martini, tennero negli anni precedenti a San Gallo, in Svizzera, dagli inizi degli anni Duemila, quando il pontificato di Giovanni Paolo II stava per finire. E’ quanto hanno sostenuto anche Jürgen Mettepenningen et Karim Schelkens, autori di una biografia sul cardinale Danneels che a suo tempo aveva sollevato un vespaio di critiche perchè aveva definito le riunioni a San Gallo dei raduni di un club di stampo mafioso.

Una lettura dei fatti probabilmente esagerata anche se Danneels effettivamente, non ha mai nascosto di avere fatto parte di questo cenacolo progressista. Lui stesso, in un video registrato, durante la presentazione della sua biografia, a Bruxelles, ammise di avere preso parte a tante riunioni in Svizzera, all’interno delle quali si rifletteva sulla necessità di una drastica riforma ecclesiale, più sinodale e meno ingessata sui dogmi. Oltre a Danneels e Martini, del gruppo secondo il libro facevano parte il vescovo olandese Adriaan Van Luyn, i cardinali tedeschi Walter Kasper e Karl Lehman, il cardinale italiano Achille Silvestrini. 

 La morte di Dannels è stata annunciata dalla sala stampa vaticana che ha diffuso una sua biografia. Laureato a Lovanio e alla Gregoriana, ha insegnato teologia, è stato ordinario militare e poi arcivescovo a Malines, in Belgio. Ha partecipato al conclave dell’aprile 2005 che ha eletto Papa Benedetto XVI e al conclave del marzo 2013 che ha eletto Papa Francesco. Danneels era stato invitato da Francesco al Sinodo sulla Famiglia anche se la sua figura in Belgio era già sotto pressione per una brutta vicenda sulla pedofilia, visto che cercò di dissuadere una vittima di abusi sessuali dal denunciare l’autore, un vescovo di nome Roger Vangheluwe, nonché zio della vittima.

Dalle registrazioni (pubblicate nel 2010 dai giornali belgi) Danneels chiedeva effettivamente alla vittima di soprassedere, di aspettare a denunciare le violenze, visto che lo zio sarebbe andato in pensione l’anno successivo. «Lui ha infangato la mia vita da quando avevo 5 anni a quando ne avevo 18, perché le dispiace per lui e non per me?», chiedeva al cardinale la vittima. Il vescovo Vangheluwe diede  poi  le sue dimissioni ritirandosi in un monastero. Qualche mese più tardi la polizia - su ordine della magistratura belga - perquisì la sede del vescovado portandosi via diverso materiale. All’epoca il Vaticano criticò molto la perquisizione  tanto che l’allora segretario di stato Tarcisio Betone disse che erano metodi degni di regimi comunisti.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La generazione che snobba i motorini e pure i bolidi

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma