COVID

Covid, saltano i battesimi del Papa che però unisce in matrimonio una coppia di amici

Martedì 5 Gennaio 2021 di Franca Giansoldati
1
Covid, saltano i battesimi del Papa che però unisce in matrimonio una coppia di amici

Città del Vaticano – L'anno scorso nella Cappella Sistina erano stati battezzati 22 neonati, 17 bambini e 5 bambine. Papa Francesco aveva personalmente impartito il sacramento ai piccoli, incoraggiando i genitori a mantenere una fede viva e a non farsi problemi per allattarli, nel caso avessero manifestato fame attraverso il pianto. Quest'anno, a causa del Covid anche questa celebrazione molto simbolica e sentita è stata annullata.

Vietati gli assembramenti, il contagio viaggia veloce, le misure di sicurezza impongono al Papa l'ennesima rinuncia pastorale. Con un comunicato il Vaticano ha annunciato che a causa della situazione sanitaria, in via precauzionale, salterà il battesimo dei bambini presieduto e fissato per domenica prossima. I battesimi dei piccoli si faranno ma nelle rispettive parrocchie di appartenenza.

In Vaticano tutto è pronto per la vaccinazione, acquistato anche un super refrigeratore

Se il Covid ha fatto saltare la cerimonia dei battesimi nella Sistina (che sarebbe stata trasmessa in diretta tv o in streaming), non ha però influito sulla celebrazione top secret di un matrimonio, la settimana scorsa, nella chiesetta di Santo Stefano degli Abissini, a due passi da Santa Marta.

Il Papa ha voluto unire in matrimonio una coppia di amici romani, proprietari di un noto ristorante, alla presenza di una decina di persone. Senza alcuna forma di pubblicità, senza ostentazioni, nel rispetto delle regole Francesco ha celebrato un rito intimo che – hanno raccontato i presenti – ad un certo punto ha previsto persino il bacio degli sposi al momento dello scambio della pace. «Potete baciarvi» e poi ha benedetto la coppia di amici.

Papa Francesco bloccato dalla sciatalgia, niente Te Deum e messa di Capodanno

Papa Francesco alla messa di Natale: «Nessuno si perda d'animo nelle prove perché Dio è con noi»

© RIPRODUZIONE RISERVATA