CORONAVIRUS

Coronavirus, morire soli, prete di Bergamo mette telefono sulla salma e prega con i parenti a casa

Mercoledì 18 Marzo 2020 di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - La morte ai tempi del coronavirus è qualcosa di immensamente crudele. Perchè ormai in alcuni ospedali si muore senza che nessuno dei parenti possa entrare in reparto per tenere la mano, accarezzare il volto della mamma, del babbo o di un fratello sfiniti dalla malattia e prossimi ad andarsene per sempre. «I familiari dei defunti mi chiamano, io metto il cellulare sulle salme dei loro cari e preghiamo insieme». Un prete bergamasco, padre Aquilino Apassiti, 84 anni, missionario rientrato dal Brasile e chiamato ora a dare conforto ai parenti delle vittime nell'ospedale Giovanni XXIII di Bergamo,  intervistato da a InBlu Radio, racconta scene strazianti.

Il suo aiuto spirituale alla gente avviene con tutte le precauzioni del caso, tenendo conto delle rigide misure di sicurezza e del rischio del contagio. «L'altro giorno - racconta il frate - una signora, non potendo più salutare il marito defunto, mi ha chiesto di fare questo gesto. Ho benedetto la salma del marito, fatto una preghiera e poi ci siamo messi entrambi a piangere per telefono. Si vive il dolore nel dolore, è un momento di grande prova».

In queste ultime settimane, riferisce ancora fra Aquilino, «non posso più vedere di persona i malati e soprattutto coloro che sono in dialisi; ma rimango sulla porta della stanza: lo faccio perché se i pazienti non mi vedono, pensano che io sia stato contagiato. La maggior parte del tempo la passo nella cappella dell'ospedale a pregare. Spesso, la sera viene una dottoressa del reparto di cardiologia e preghiamo»

Ultimo aggiornamento: 17:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani