Germania, domani la protesta dei parroci, benedizioni a coppie gay nonostante il divieto del Papa

Germania, domani la protesta dei parroci, benedizioni a coppie gay nonostante il divieto del Papa
di Franca Giansoldati
4 Minuti di Lettura

Città del Vaticano - La data del 10 maggio nella Chiesa ribelle della Germania rimarrà a lungo nel calendario. La protesta è stata scelta perchè nel mondo ortodosso si commemora il patriarca biblico Noè che dopo il diluvio festeggiò un nuovo inizio sotto un arcobaleno in cielo. Un riferimento simbolico - quello dell'arcobaleno -  che porta dritto alla bandiera del movimento per i diritti del mondo Lgbt. 

Domani il divieto categorico del Vaticano (avallato dal Papa) a non benedire in chiesa le coppie dello stesso sesso, verrà disatteso da tanti parroci e cappellani cattolici che hanno aderito alla iniziativa di suggellare l'amore delle coppie omosessuali. Tutto ha avuto inizio   dalla diocesi di Amburgo per celebrare «la diversità dei progetti di vita e delle storie d'amore delle persone».

Il fatto è che nella società tedesca sono sempre di più le coppie dello stesso sesso. Di conseguenza per le gerarchie è sempre più difficile ignorarle o tenerle fuori dalla comunità negando loro persino l'attività sessuale visto che per il Catechismo i gay dovrebbero vivere in perfetta castità e la loro vita è "disordinata". 

Naturalmente non tutti i vescovi tedeschi hanno apprezzato che il 10 maggio venissero benedette le coppie gay. Nel dibattito pubblico è evidente anche lo scetticismo di tanti preti. «Visto che ho benedetto edifici e macchine per la raccolta delle barbabietole da zucchero», ha detto di recente uno dei parroci di Wuerzburg, don Burkhard Hose: «mi chiedo quindi perché non posso benedire anche le persone che si amano».

Secondo l'agenzia cattolica Kna che sin dall'inizio ha dato conto di questo dibattito raccontandolo con grande trasparenza ed equilibrio, altri parroci si sono mobilitati per raccogliere firme a favore delle benedizioni. Un prete del nord Reno-Westfalia, Bernd Moenkebuerscher è arrivato da solo a raccogliere 11 mila firme a favore.

Birgit Mock, vicepresidente della Federazione delle donne cattoliche tedesche (KDFB), ha commentato speranzosa che la discussione «potrebbe portare a un passo storico: un apprezzamento della sessualità nella Chiesa cattolica in Germania».

Il vescovo Helmut Dieser che dirige uno dei quattro gruppi di lavoro del progetto di riforma del Cammino sinodale (quello sulla morale sessuale) ha chiarito che pur non avendo nessun mandato per autorizzare a benedire le coppie gay «nel caso di richieste i ministri pastorali sono vincolati solo dalla loro coscienza». Insomma, tutto fuorchè un divieto. Tuttavia, la Conferenza episcopale tedesca forse spaventata per la piega che sta prendendo questo movimento trasversale ha cercato di smorzare gli entusiasmi. «Le benedizioni sono strumenti per manifestazioni politico-ecclesiali o azioni di protesta», ha detto il presidente della conferenza, il vescovo Georg Baetzing.

Dopo Amburgo, altri servizi di benedizione sono attesi in circa 70 località. In Italia il dibattito, al contrario della Germania, è ancora agli albori e procede in modo molto timido. Finora è intervento qualche teologo a livello accademico per analizzare gli eventuali sviluppi della dottrina. Don Aristide Fumagalli, teologo moralista, sul mensile Vita Pastorale in un dotto articolo ha recentemente spiegato che bisognerebbe arrivare ad un discernimento, un po' come è accaduto in questi anni con i divorziati risposati. Se decenni addietro era impossibile anche solo l'idea di ammetterli alla comunione, dopo due sinodi e un documento (Amoris Laetitia) le cose si sono rese possibili.  «Il discernimento obbligatoriamente richiesto sulle situazioni matrimoniali irregolari dovrebbe essere messo in pratica anche nei confronti delle unioni di credenti omosessualii quanto meno per scongiurare l'eventualità che un amore, senza essere realmente conosciuto, sia giuicato impossibile». 

Domenica 9 Maggio 2021, 15:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA