CORONAVIRUS

Cardinale accusa frontalmente Pechino, Cina responsable della pandemia nel mondo

Giovedì 2 Aprile 2020 di Franca Giansoldati
2

Città del Vaticano - La responsabilità di avere diffuso il coronavirus nel mondo è del partito comunista cinese e del governo del presidente Xi. Hanno agito con colpevole ritardo nel denunciare la pandemia. A parlare in modo insolitamente schietto è il cardinale Charles Bo, arcivescovo di Yangon, in Birmania che sferra un attacco frontale a Pechino. La notizia della dichiarazione durissima del porporato è stata diffusa da Asianews, l'agenzia di informazioni religiose di tutto il mondo asiatico, diretta da padre Bernardo Cervellera.

Coronavirus, positivo il vicario del Papa, cardinale De Donatis: quattro vescovi in quarantena

Il cardinale Burke sfida il coronavirus, niente mascherina ma solo il rosario in mano

«Il regime del Partito comunista cinese è il primo responsabile» della pandemia da coronavirus. «Ciò che ha fatto e ciò che non ha fatto sta producendo danni alle vite in tutto il mondo e il popolo cinese è la prima vittima» del virus, come è anche «prima vittima di questo regime repressivo».

Papa Francesco in allarme per i contagi nei conventi: due strutture già in quarantena

Quella del cardinale Bo è la seconda voce che si leva per andare oltre la diplomazia e cercare un responsabile a quello che sta accadendo. Poche settimane fa un altro cardinale, stavolta quello di Colombo, in Sri Lanka, aveva fatto discutere perchè a suo parere la pandemia era stata originata in laboratorio da una potenza straniera. Una tesi complottista che però non ha avuto seguito se non quello di sollevare altro polverone.

ll cardinale Bo, invece, spiega che le autorità cinesi hanno silenziato medici, scienziati, giornalisti e intellettuali mentre lanciavano l’allarme già in dicembre. La Cina avrebbe aspettato fino al 23 gennaio per isolare Wuhan e l’Hubei. Citando uno studio dell’università di Southampton, ha aggiunto che «se la Cina avesse agito in modo responsabile una, due o tre settimane prima, il numero dei contagiati dal virus sarebbe stato minore rispettivamente del 66%, dell’86% e del 95%».

Bo parla di «criminale negligenza e repressione» del regime comunista cinese, che opprime la libertà religiosa, distrugge migliaia di chiese, rinchiude in campi di lavoro forzato i musulmani, pratica espianto di organi dai prigionieri di coscienza, sopprime le libertà di avvocati, dissidenti, intellettuali.« E' una minaccia per il mondo intero».

 

Ultimo aggiornamento: 18:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani