Vaticano, Becciu interrogato il 17 marzo: Pignatone dispone che il processo di Londra vada avanti

il presidente del tribunale, Giuseppe Pignatone
di Franca Giansoldati
4 Minuti di Lettura
Martedì 1 Marzo 2022, 13:42 - Ultimo aggiornamento: 2 Marzo, 14:56

Città del Vaticano – Il Tribunale di Papa Francesco ha deciso: il processo per la compravendita del famoso palazzo di Londra, le cui perdite a danno della Santa Sede, indicate ieri dal Promotore di Giustizia, ammontano a 217 milioni di euro, va fatto. Lo ha stabilito stamattina il presidente del collegio Giuseppe Pignatone leggendo una chilometrica ordinanza nella quale sono state rigettate tutte le richieste di nullità sollevate a più riprese, in questi sette mesi, dalle difese di Enrico Crasso, Tommaso di Ruzza, Cecilia Marogna, Gianluigi Torzi, del cardinale Angelo Becciu, Renè Brulhard, don Mauro Carlino, Nicola Squillace, Raffaele Mincione e Fabrizio Tirabassi. Sono inoltre state accolte come parte civili, tutte danneggiate a diverso titolo dall'affare di Sloan Avenue la Segreteria di Stato, l'Apsa, lo Ior e l'Asif. 

Vaticano, tensione in Aula sul giusto processo per il palazzo di Londra: danni al Papa per 217 milioni

L'avvio del processo inizierà il 17 marzo con il primo imputato – il cardinale Angelo Becciu - che dovrà rispondere di peculato, subornazione e abuso d'ufficio in concorso. Pignatone ha diviso in tre le vicende che lo riguardano e che verranno affrontate separatamente: la prima riguarda il presunto finanziamento alla cooperativa Spes di Ozieri, una struttura della Caritas, gestita dal fratello in Sardegna, per un ammontare di 100 mila euro. La seconda vicenda riguarda il ruolo avuto nell'acquisto del palazzo londinese quando era Sostituto alla Segreteria di Stato e aveva l'incarico papale di gestire i fondi riservati e l'Obolo di San Pietro. Infine, l'ultima e più ingarbugliata vicenda, ha a che fare con un'altra imputata, Cecilia Marogna, una esperta di politica internazionale, collegata con i servizi segreti italiani e reclutata dal Vaticano per gestire i pagamenti dei riscatti dei missionari rapiti dall'Isis in Africa. Una vicenda piuttosto oscura e misteriosa sulla quale, stamattina, in aula l'avvocato che la difende ha sollevato il segreto di Stato annunciando che la sua assistita ha persino scritto alla Nato, al governo italiano e al Vaticano (senza avere risposte) per apporre il segreto. La Marogna - ha affermato il legale - avrebbe timori per la sua incolumità personale. 

Al termine della lettura dell'ordinanza alcuni legali si sono riservati di impugnare l'ordinanza, sollevando la questione dei Rescritti papali, i quattro interventi legislativi che Papa Francesco ha emanato per dare al Promotore di Giustizia maggiori poteri nelle fasi inquirenti (intercettazioni telefoniche, sequestri, misure cautelari) in deroga alle leggi vigenti in Vaticano. Il presidente del Tribunale Pignatone ha spiegato che non si tratta tanto di leggi speciali che danno forma a "tribunali speciali" come hanno sottolineato le difese in questi mesi, ma di normali atti normativi. L'avvocato del finanziere Enrico Crasso, Luigi Panella ha ripetuto che «gli atti normativi andrebbero pubblicati, mentre i Rescripta non sono mai stati pubblicati e restavano sostenzialmente segreti».

Il cardinale, presente in aula, si è avvicinato ai giornalisti, alla fine della lettura del dispositivo, e sorridente ha detto. «Finalmente inizia il processo e potrò rispondere a tutte le domande. Sono sereno e fiducioso». 

Infine Pignatone, nella ordinanza, ribadendo che anche in Vaticano vige il giusto processo e viene rispettato il principio della imparzialità dei magistrati, ha rigettato tutte le reiterate richieste per le prove documentali sequestrate dal Promotore di Giustizia e mai depositate nella loro totalità (nonostante due precedenti ordinanze del presidente). Pignatone ha spiegato che in Vaticano esiste un altro ordinamento, differente da quello italiano e che questo  da modo al Promotore di Giustizia di decidere a suo insindacabile giudizio cosa e quali documenti depositare. «Sono però loro che scelgono cosa depositare. Ora però i legali potranno fare richiesta direttamente all'Ufficio del Promotore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA