CORONAVIRUS

Coronavirus, una villa per la quarantena

Mercoledì 25 Marzo 2020
L'ospedale di Perugia

PERUGIA -  E' stata individuata Villa Muzi a Città di Castello la struttura per ospitare i pazienti clinicamente guariti ma ancora positivi al test per il coronavirus. In pratica, coloro che non manifestano più sintomi ma potrebbero diffondere il virus. Si tratta di persone che possono essere spostate dagli ospedali, per lasciare spazio a pazienti più gravi, ma non sono nelle condizioni di rientrare alla vita normale. Per questo ieri è stato siglato un contratto di comodato gratuito tra la Regione, la Congregazione Figlie della Misericordia e l’Usl Umbria 1 che gestirà la struttura. La scelta dell’edificiodi proprietà di ente religioso è legata anche alla posizione: si trova in un’area agricola vicinaall’ospedale cittadino. 

Una buona notizia nella battaglia al Covid-19: sono otto i guariti in Umbria, tre nel corso di una sola giornata: i dati fin qui disponibili, e cioè quelli aggiornati al 25 marzo, parlano di due persone guarite in provincia di Perugia e una nel Ternano. Sono 710 persone in Umbria risultate positive al coronavirus. I deceduti sono 19: 12 residenti nella provincia di Perugia e 7 in quella di Terni.     

Dei 710 pazienti positivi, sono ricoverati in 167, 129 sono residenti nella provincia di Perugia e 28 in quella di Terni, 10 sono di fuori regione. I ricoveri nell’ospedale di Perugia sono 70, 40 in quello di Terni, 23 a Città di Castello, 25 a Pantalla e uno a Spoleto.   

Le persone in osservazione sono 2856: di questi, 2164 sono nella provincia di Perugia e 692 in quella di Terni. Sempre alla stessa data risultano 2254 soggetti usciti dall’isolamento, di cui 1675 nella provincia di Perugia e 579 in quella di Terni. Nel complesso entro le ore 8 del 25 marzo, sono stati eseguiti 4707 tamponi.I dati e tutte le notizie relative all’emergenza coronavirus sono consultabili

Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 14:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua