Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Via alla rizollatura dello stadio Liberati di Terni, l'intervento è partito: entro Ferragosto il nuovo prato

Via alla rizollatura dello stadio Liberati di Terni, l'intervento è partito: entro Ferragosto il nuovo prato
di Paolo Grassi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Agosto 2022, 19:54 - Ultimo aggiornamento: 22:19

E' cominciata l'perazione di rizollatura. Indispendabile pe dare allo stadio Liberati di Terni un nuovo manto erboso, una volta tolto quello ridotto in pessime condizioni a causa delle trasemine di luglio non assimilate dal terreno. Nella giornata di lunedì 8 agosto, le operazioni sono cominciate con la scorticatura del campo, primo step per arrivare a togliere la vecchia erba e stendere i nuovi rotoli. Sul posto, automezzi, trattori e macchinari appositi. Ad occuparsi dell'intervento è una ditta veneta, la Techhno Sod, della provincia di Verona, che lavora, tra gli altri, anche con i terreni del Meazza di Milano e del Gewiss Stadium di Bergamo. Una settimana per rizollare e per avere la nuova erba pronta a Ferragosto. La Ternana ha deciso così. L'operazione di diserbo era cominciata alla fine della settimana precedente all'inizio dll'intervento. Il Liberati viene ora dotato di 7.500 metri quadrati di superficie con erba gramigna. A coadiuvare la ditta, c'è anche la Paesaggi umbri che è quella incaricata dalla Ternana calcio per la gestione e manutenzione dei campi in erba. L'intervento costa alla Ternana intorno ai 200 mila euro, ma sulla cifra pesano per la maggior parte i costi di trasporto. Basti pensare che automezzi con celle frigorifere per trasportare le zolle d'erba fanno ben 24 viaggi. Tornando alla rizollatura, si comincia prima a preparare il fondo, con la distesa di sabbia che precede lo srotolamento delle varie zolle. Si lavora con appositi macchinari sia per togliere il prato vecchio che per stendere quello nuovo. Serve, per il lavoro, tutta la settimana. Poi una volta pronto, il nuovo terreno avrà una settimana di tempo per attecchire bene, prima della partita di campionato Ternana-Reggina del 21 agosto. Prima di quella gara, si conta di far disputare alla squadra una o due rifiniture, per cominciare a prendere confidenza con il campo nuovo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA