Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Via libera in Comune alla variante del centro sportivo della Ternana, comincia la rivoluzione impiantistica rossoverde

Via libera in Comune alla variante del centro sportivo della Ternana, comincia la rivoluzione impiantistica rossoverde
3 Minuti di Lettura
Martedì 21 Giugno 2022, 07:23

Il centro sportivo da realizzare a Villa palma incassa il sì. Via libera dal Consiglio comunale alla variante urbanistica. Prima pietra per il futuro della Ternana. L’inizio di una nuova era, per una vera e propria rivoluzione impiantistica rossoverde. Il vicepresidente Paolo Tagliavento, queste ambizioni, le rilancia ancora. Ospite della redazione de il Messaggero di Terni, elenca temi e questioni proprio nei giorni in cui si sta festeggiando il 50’ anniversario dalla prima promozione in serie A. Il centro sportivo, i campi della Polymer, la rifondazione del settore giovanile e le ambizioni sulla squadra femminile. In attesa della grande partita stadio-clinica, fiore all’occhiello dei progetti sul territorio del presidente Stefano Bandecchi. Questo e altro, nella mattinata con Tagliavento in redazione. Partendo proprio dal cosiddetto “Ternanello”: «Stiamo lavorando su più fronti. La società investe molto proprio sugli impianti. Se si vuole alzare l’asticella e puntare anche a prendere calciatori importanti, non conta solo quanto dai loro, ma anche cosa offri in strutture. Se non garantisci loro la possibilità di allenarsi bene, non vengono. Ternanello, su questo, è fondamentale». Ora si pensa ai tempi di realizzazione. «Speriamo di avere già nel luglio 2023 i primi campi, per allenarsi». Intanto, per quest’anno, si sta allestendo la soluzione cuscinetto (fino a un cero punto, visto l’investimento che la società fa) dei campi della Junior Campomaggio, dietro alla Polymer. «Quest’anno – dice Tagliavento – la squadra si allenerà lì. Solo quando è tempo brutto lavorerà all’antistadio. Visto che su quei campi non ci sono spogliatoi adeguati, chiederemo ai ragazzi di avere pazienza e di fare la spola dal Liberati dove si cambieranno ai campi della Junior Campomaggio. In attesa di avere finalmente il nuovo centro sportivo di Villa Palma dove fare tutto». Per “Ternanello”, c’è ora da superare lo scetticismo di un comitato di cittadini di Villa Palma, che ha presentato in Comune una delle osservazioni. A giorni, la Ternana li incontrerà. «Credo che alcuni – precisa Tagliavento – si confondano con il vecchio piano che aveva 40.000 metri cubi edificabili. Invece, con quello nuovo i metri cubi sono 1.000. La Ternana investe sodi per acquisire l’area e costruire campi e strutture ricettive per le squadre, ma senza speculazioni». Le strutture sono anche al centro dei nuovi piani per il settore giovanile e la squadra femminile. «Nel primo caso – dice il vicepresidente – stiamo già lavorando. Presto definiremo il nuovo organigramma delle giovanili ma non ci saranno tanti cambiamenti. Quel settore è importante per fare della Ternana una società strutturata e organizzata. Riguardo alla femminile, ora che abbiamo preso il titolo sportivo della serie B investiremo molto per avere una squadra all’altezza. Ma anche impianti all’altezza. Grazie a un accordo con la Narnese, rifaremo il terreno del San Girolamo con erba sintetica e le ragazze, insieme alla Primavera, giocheranno lì. L’allenamento lo faranno all’antistadio Taddei, ma vedrete spesso la squadra femminile allenarsi nelle adiacenze di quella maschile». Il tutto, in attese della scommessa stadio-clinica, progetto del quale ha parlato di recente anche la rivista Nss Sports. «Prima ero pessimista – rivela Tagliavento – ma ora vedo che c’è la volontà politica, volontà che a volte, però, contrasta con quella dirigenziale. Noi facciamo affidamento sulle leggi e le normative, comprese quelle che prevedono per le cliniche private un convenzionamento fino a una certa percentuale e non al cento per cento». Il 6 luglio parte la conferenza di servizi decisoria. Lì, ci si gioca molto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA